Homepage

Img 20161027 wa0015 1 

Benebènnidos a custu situ - Benvenuti a questo sito

Welcome to this website

 

Puntade subra a sos titulos a manca pro abberrer sas paginas

Premere sui titoli a sinistra per aprire le pagine 

Press on the titles on le left to open the pages

 

 

 Risultati immagini per novas  Risultati immagini per novità

 


 

2 0 1 7

 

SANTANDRIA- NOVEMBRE - NOVEMBER

Sàpadu 11 in Perfugas, in su Cìrculu Matteu Peru a sas chimbe de sero (h. 17.00) presentamus su libru de poesias de Giuanninu Soro, Camineras. S'intrada est lìbera.

Sabato 11 a Perfugas, al Circolo Matteu Peru alle cinque del pomeriggio (h. 17.00) presentiamo il libro di poesia di Giovannino Soro, Camineras. L'ingresso è libero.

 

SANTUGAINE- OTTOBRE - OCTOBER

Nel prossimo numero della Rivista Italiana di Onomastica sarà pubblicato uno studio intitolato Da Pilingheri a Berlinguer che documenta una ricerca approfondita intorno alle origini e ai cambiamenti di questo cognome sassarese attestato per la prima volta nel 1516.

In su nùmeru nou de sa Rivista Italiana di Onomastica at a esser imprentadu un'istudiu intituladu Da Plingheri a Berlinguer chi documentat una chirca funguda subra a sas orìgines e a sos mudamentos de custu sambenadu tattaresu registradu comente prima bolta in su 1516.

In the next issue of the Rivista Italiana di Onomastica will be published a study entitled From Pilingheri to Berlinguer that documents a thorough research araound the origins and changes of this surname of Sassari that was first recorded in 1516.

* * *

 

 E' in fase di stampa il volume degli atti della Quarta Giornata Internazionale della Lingua Gallurese tenutasi a Palau nel 2016. Il volume, intitolato Literatura corsa e littaratura gadduresa, sarà presentato a Palau il prossimo 2 dicembre e a Corte, presso l'Università dellaCorsica, il 28 febbraio 2018. L'opera conterrà la storia della letteratura gallurese e della letteratura corsa.

Est in bia de imprenta su volùmene de sos attos de sa de bàttoro Ciurrata Internaziunali di la Linga Gadduresa chi s'est fatta in Palau in su 2016. Su  volùmene, intituladu Literatura corsa e littaratura gadduresa. at a èssere presentadu in Palau su 2 de nadale e in Corte, in s'Universidade de Còssiga, su 28 de frearzu de su 2018. S'òbera cuntenet s'istoria de sa litteratura gadduresa e de sa litteratura cossa.

The volume of acts of the Fourth International Day of Gallurese Language held at Palau in 2016 is being printed. The volume, entitled Literatura corsa e littaratura gadduresa, will be presented in Palau on 2 December and at Corte, at the University of Corse, on February 28, 2018. The essay it will contain the history of Gallura's literature and Corsican literature.

  

 

CABIDANNI - SETTEMBRE - SEPTEMBER

 Monte cannuja ploaghe[25/9] Una "patata" indigesta

L’articolo, appena uscito nella "Rivita Italiana di Onomastica", fa chiarezza sul significato di un oronimo medievale sardo (Patata de Cunucla) che nell'edizione critica del Condaghe di San Michele di Salvennor curata da Paolo Maninchedda e Antonello Murtas è ritenuto una forma priva di senso. Attraverso il confronto con grafie coeve, con numerosi oronimi attestati nella toponimia e con esempi tratti dalla lingua viva, la discussione mostra come la grafia in questione anche al giorno d’oggi presenti un significato trasparente e facilmente comprensibile (lettm. 'pianoro della conocchia'). Per completezza della discussione si può proporre di identificare l'antico oronimo con l'odierno Monte Cannuja di Ploaghe che presenta lo sviluppo cannuja dell'antico cunucla. Per leggere l'articolo premere questo collegamento: 

S'artìculu, essidu in custas dies in sa "Rivista Italiana di Onomastica", iscrarit su significu de un'orònimu sardu de s'edade de mesu (Patata de Cunucla) chi in s'editzione crìtica de su Condaghe de Santu Miali de Salvennor, curada dae Paolo Maninchedda e Antonello Murtas, est crètida una forma chentza sensu. Peri su cunfrontu cun grafias de su tempus, cun paritzos orònimos presentes in sa toponimia e cun esempios bogados dae sa limba bia, s'arrejonu mustrat comente sa grafia in chistione finas a dies de oe presentat unu significu ladinu e fàtzile a cumprèndere (lettm. 'sèttile de sa cannuja'). Pro cumpletesa de s'arrajonu si podet propònnere de sebestare s'orònimu antigu in su Monte Cannuja chi s'agattat in Piaghe e presentat s'isviluppu cannuja dae s'antigu conucla. Pro bìdere s'artìculu sighire custu culligamentu 

An indigestible “potato”. This article aims to shed light on the meaning of a medieval Sardinian place name, Patata de Cunucla. In a critical edition of the source it is considered a meaningless form. The author proposes a comparison with other contemporary sources, which include many place names attested in the Sardinian toponymy and examples from the current language. The explanation shows that the place name in question still has a transparent and easily understandable meaning. To read the article press this link  

608 610 maxia patata608 610 maxia patata (210.63 KB)

 

Risultati immagini per pane di pasqua sardo [15/9] I nomi delle "pasque" in Sardegna 

Nel calendario delle celebrazioni religiose in Sardegna alcune delle più importanti hanno lo stesso nome di "pasqua". Questo termine è usato per denominare cinque festività legate ad episodi fondamentali della vita e della morte di Geù Cristo. Sebbene l'abitudine di denominare certe festività cristiane col nome di Pasqua non sia esclusivo della Sardegna, alcuni fatti sono specifici di questa isola. Inoltre, l'antichità delle forme in questione, che sono documentate tra il 1100 e il 1300, appare notevole. Per leggere il saggio andare nella colonna qui a sinistra ed entrare nella pagina LESSICOGRAFIA-LESSICOLOGIA.

In su calandariu de sas festividades religiosas de sa Sardigna bi nd'at unas pius de importu chi tenent su matessi nòmene de "pasca". Custa paràula est impreada pro numenare chimbe festividades chi sunt ligadas a fattos fundamentales de sa vida e de sa morte de Jesu Cristu. Mancari su de numenare unas festividades cristianas cun sa paraula Pasca non siat un'usu esclusivu de sa Sardigna, tzertos fattos pertoccant ebbia a custa ìsula. Ultres de custu, s'antighidade de custas formas, sende documentadas intro de su 1100 e de su 1300, est abberu de importu. Pro bìdere su saggiu anda a sa colunna inoghe a manca e intra in sa pàgina LESSICOGRAFIA-LESSICOLOGIA.

The names of “Easter” in Sardinia. In the calendar of religious celebrations in Sardinia, some of the most important ones stand out because they share the same name, i.e. Easter. This term is used to name five events linked to fundamental episodes of the life and death of Jesus Christ. Although the habit of calling certain Christian celebrations with the name of Easter is not exclusive to Sardinia, some facts are specific to this island. In addition, the antiquity of the forms in question, which are documented between 1100 and 1300, looks remarkable. To read the essay, go to the left column and enter in the page LESSICOGRAFIA-LESSICOLOGIA.

   

Anna maria sechi 001  Risultati immagini per anna maria sechi Anna-Maria Sechi, Les oiseaux sans plumes, Strépy-Bracquegnies (Belgio), Ed. Le Livre en papier, 2017, pp. 230.

Questo libro di Anna Maria Sechi rappresenta il romanzo della sua vita ma anche delle persone che hanno condiviso tratti più o meno lunghi della sua vicenda. La scrittura è essenziale, priva di fronzoli, ma efficace. La trama è raccontata in presa diretta, quasi per fotogrammi, secondo uno schema spazio-temporale rettilineo. Il volume si articola in 34 capitoli, per lo più brevi, che variano da una lunghezza di appena due pagine fino a una dozzina. I capitoli più brevi hanno la funzione di collegare delle situazioni più importanti. Quelli più lunghi, invece, devono la loro estensione all’insopprimibile esigenza che spinge l’Autrice a descrivere fin nei minimi particolari le fasi più concitate di alcuni momenti drammatici della sua vita. Il testo integrale della recensione è disponibile qui a sinistra nella pagina > Recensioni

 

AUSTU - AGOSTO - AUGUST

Presentazione dei volumi La tuaglia ruia di Giuseppe Tirotto e Escandall - Scandaglio di Joan Elies Adell Pitarch

Risultati immagini per giuseppe tirotto GIUSEPPE TIROTTO  Risultati immagini per joan elies adell JOAN ELIES ADELL PITARCH

Il 26 agosto a Martis si è celebrata la manifestazione Martis in poesia che per tutta la giornata ha visto susseguirsi una serie di incontri centrati sulla letteratura, l'arte e la musica secondo una formula innovativa sperimentata dall'Istituto C. Bellieni in collaborazione col Comune di Martis, con la locale Pro Loco e numerosi collaboratori. All'interno della manifestazione era inserita una presentazione di opere letterarie intitolata Addobiu cun sos autores, in seno alla quale il sottoscritto ha presentato il volume La tuaglia ruia di Giuseppe Tirotto e il libro Escandall - Scandaglio del poeta catalano Joan Elies Adell Pitarch. Il testo della presentazione, opportunamente ridotto per questo sito, è disponibile qui nella pagina RECENSIONI.

 

La nuova articolo cognomi sardi [25/8/2017] Il quotidiano La Nuova Sardegna ha pubblicato un servizio di 2 pagine sui cognomi sardi il cui titolo principale è Nei cognomi la storia dell'isola. Il servizio è corredato di numerose rubriche attraenti grazie alla grafica molto innovativa. Un articolo specifico è dedicato ai cognomi Berlinguer Cossiga. Il giornale riferisce di un mio lavoro ormai quasi ventennale frutto di estese ricerche d'archivio alle quali hanno collaborato diversi ricercatori in tutta la Sardegna che ringrazio già da ora. Si tratta del Dizionario dei Cognomi di Sardegna - Storia Diffusione Significatola cui pubblicazione è prevista entro l'anno prossimo. 

Questi sono i collegamenti al quotidiano La Nuova Sardegna per leggere l'intero servizio:

http://www.lanuovasardegna.it/regione/2017/08/25/news/il-maggiore-esperto-dei-cognomi-sardi-1.15774704?ref=search

http://www.lanuovasardegna.it/regione/2017/08/25/news/nei-cognomi-la-storia-dell-isola-i-sanna-primi-sono-17mila-1.15774758?ref=search

http://www.lanuovasardegna.it/regione/2017/08/26/news/le-origini-dei-cognomi-sardi-dai-colori-agli-animali-1.15775631

http://www.lanuovasardegna.it/regione/2017/08/25/news/gli-strani-casi-di-berlinguer-e-saragat-1.15774706

 

TRIULAS - LUGLIO - JULY

 

  Manuale di linguistica sarda [Manual of Sardinian Linguistics]

IndiceIndice (26.2 KB)

È uscito per i tipi della celebre casa editrice De Gruyter Mouton il Manuale di linguistica sarda, a cura di Eduardo Blasco Ferrer, Peter Koch e Daniela Marzo Questo manuale di 600 pagine costituisce un indispensabile strumento di ricerca sul sardo e in generale sulla linguistica romanza. Esso presenta la prima estensiva panoramica sulle varie questioni e i problemi della linguistica sarda. Oltre a una dettagliata introduzione socio-storica sulla situazione linguistica della Sardegna, il volume offre descrizioni sia diacroniche sia sincroniche delle varietà del sardo come pure degli altri idiomi parlati nell'Isola. Il manuale si compone di 30 saggi curati da oltre venti specialisti della materia. Il sottoscritto ha contribuito con due saggi intitolati "Lessicografia" e "Il gallurese e il sassarese". Questo manuale costituisce il volume XV della collana Manuals of Romance Linguistics (MRL), coordinata da Günter Holtus e Fernando Sánchez Miret, che offre una panoramica sullo stato dell’arte della linguistica romanza. Una speciale attenzione è dedicata alla presentazione e analisi delle lingue meno diffuse, le linguae minores. Il manuale è disponibile su Amazon nel circuito internazionale.

Est a disponimentu in Amazon su Manuale de linguistica sarda èditu dae Eduardo Blasco Ferrer, Peter Koch e Daniela Marzo pro sa famada domo editora De Gruyter Mouton. Custu manuale de 600 paginas est unu istrumentu de importu mannu in fattu de chircas subra a su sardu e a sa linguistica romanza. Su libru est una prima panoramica subra a paritzas chistiones e problemas de sa linguistica sarda. Ultres de una introduida a minudu subra a sa situatzione linguistica de sa Sardigna, su volumene descriet in manera diacronica e sincronica sas variedades de su sardu e finas de sas atteras limbas faeddadas in s'Isula. Su manuale si cumponet de 30 saggios ammaniados dae pius de vinti ispecialistas de sa materia. Su suttiscrittu bi at cuntribuidu cun duos saggios intitulados "Lessicografia" e "Il gallurese e il sassarese". Custu manuale est su de XV volumenes de sa collana Manuals of Romance Linguistics (MRL), coordinada dae Günter Holtus e Fernando Sánchez Miret, chi offerit una accherada subra a sa situatzione de sa linguistica romanza. Un'attentzione particulare est posta subra a sa presentada e a s'analisi de sas limbas pius pagu isterridas, sas linguae minores gai naradas.  

The Manuale di linguistica sarda (Manual of Sardinian Linguistics) is coming out thanks to Eduardo Blasco Ferrer, Peter Koch and Daniela Marzo for the famous editor De Gruyter Mouton. This manual (600 pages) will be an indispensable research tool for everyone interested in the Sardinian language and in Romance linguistics in general. It presents the first extensive overview of the various questions and problems of Sardinian linguistics. In addition to a detailed introduction to the socio-historical background of the current linguistic situation in Sardinia, it provides diachronic and synchronic descriptions both of the varieties of Sardinian itself and of the other idioms spoken on the island. A special focus will be placed on the presentation and analysis of the smaller languages, the linguae minores, which the two older reference works of the discipline, Lexikon der Romanistischen Linguistik(1988–2005) and Romanische Sprachgeschichte (2003–2008) did not discuss in detail, as well as on current research trends. The manual is made up of 30 essays handled by as many specialists of the subject. I have contributed with two essays titled "Lexicography" and "The Gallurese and the Sassarese". The manual is distributed by Amazon and will be on sale from July 10th. 

 

Alghero 22 luglio  

Workshop Sardegna fra tante lingue. Le lingue minoritarie in Sardegna: analisi e proposte

Risultati immagini per francesco ballone alghero fotografo Risultati immagini per alessandro mongili F ballone

Sabato 22 luglio ad Alghero, dalle ore 10.00 alle ore 13.00, presso la sala conferenze Lo Quarter si è tenuto il Workshop Sardegna fra tante lingue. Le lingue minoritarie in Sardegna: analisi e proposte. Sono intervenuti Alessandro Mongili con una relazione sulla Parità negli usi, coufficialità nello status. Per una condizione europea del plurilinguismo sardo; il sottoscritto con una relazione intitolata La situazione socio-linguistica dell’area sardo-corsa Francesco Ballone con la relazione Multilingüisme a l’Alguer, entre realtat i potencialitats alla quale seguirà un dibattito. 

Sàpadu 22 de trìulas in S'Alighera, dae sas 10.00 a sa 1.00 de die, in sa sala de cunferentzias Lo Quarter s'est fattu s'abboju Sardegna tra tante lingue. Le lingue minoritarie in Sardegna: analisi e proposte. Sunt intervènnidos Alessandro Mongili cun una relata intitulada Parità negli usi, coufficialità nello status. Per una condizione europea del plurilinguismo sardo; su suttiscrittu cun una relata intitulada La situazione socio-linguistica dell’area sardo-corsa Francesco Ballone cun sa relata Multilingüisme a l’Alguer, entre realtat i potencialitats e a sa cumprida dae unu dibàttidu. 

 

 

Santa rughe piatta ANTOLOGIA DE POETAS PERFUGHESOS

Battista Muraglia

Fit unu poeta perfughesu nàschidu in 1866 e mortu in su 1890 cando aiat 24 annos. In su 1880 iscrieit Sa cantone de sos colzos chi faeddat de sos giòvanos de Pèrfugas e de paritzos còjuos aurtidos. Su tìtulu cheret nàrrere ‘sa cantone de sas ispeddaduras o de sas iscolzadas’. Est giogada subra a su cuntzettu de sa paràula colzu, chi in pius de 'pedde’ in su sentidu populare aiat leadu s’àtteru significu de ‘ispeddadura, iscolzadura’. Custa paràula intraiat in sas bàlzigas pro nàrrere chi su tale fit istadu catzadu dai sa tale bajana. A custu modu de nàrrere currispondiat finas s’àttera narada populare de "leare pedduttu" ue sa paràula pedduttu (‘colzu, pedde’) produiat su cuntzettu de ‘isettare iscortigadu’. Gioghende subra a s’ambivalentzia de custas bàlzigas, Giuanne Battista Muraglia s’at leadu su gustu de passare in rassigna sos giòvanos perfughesos chi fint isettados ‘iscortigados’ pro sa dennega retzida a sa pregunta de si cojuare.

Sa cantone de sos colzos

1
A mie puru unu colzu ana dadu,
emmo ch’est beru e non poto negare.
Ite mi balet de mi nde cuare,
tantu benit su fattu iscobiadu.
2
A mie puru an dadu unu pedduttu,
unu colzu ana dadu ancora a mie,
e so istadu sese o sette dies
che chie dae s’aera asserat rutu.
Mi samunao e tantu fia brutu
Pro chi mi fia bene imbrolzinadu. (...sighit...)

Est una cantone satìrica chi si cumponet de 29 istrofas. Chie la cheret lèggere intret inoghe a manca in sa rubrica Litteratura Sarda e andet a sa pag. 36.

 

 

LAMPADAS - GIUGNO - JUNE

La casa editrice irlandese Ipazia Books nel suo ultimo notiziario ha pubblicato una anteprima del mio nuovo libro Lingua e Società in Sardegna. Si può leggerla in https://rinabrundu.files.wordpress.com/…/la-barba-di-diogen… (l'estratto si trova alla pagina 6). Dei nove capitoli che compongono il volume solo quattro sono scritti in italiano mentre cinque sono scritti in lingua minoritaria (quattro in sardo e uno in gallurese). Questa scelta mostra che anche le lingue regionali e sub-regionali possono essere usate in qualunque contesto, dalla letteratura fino ai saggi scientifici.

 LINGUA E SOCIETÀ IN SARDEGNA

Presso l’editrice irlandese Ipazia Books è uscita anche l'edizione cartacea del libro Lingua e Società in Sardegna. La nuova opera è distribuita da Amazon nel circuito internazionale e può essere richiesta all’indirizzo https://www.amazon.it/LINGUA-SOCIET%C3%80-SARD…/…/1521467366.

 

LINGUA E SOCIETÀ IN SARDEGNA (Studi Sardi Vol. 6) di [Maxia, Mauro] LINGUA E SOCIETÀ IN SARDEGNA (Studi Sardi Vol. 6) Formato Kindle

Il testo è in vendita su Amazon. Prezzo EUR 8,77

“Lingua e società in Sardegna” é una raccolta di articoli, interventi e saggi di sociolinguistica e di glottopolitica dai contenuti attuali. Il volume spazia dalle difficoltà dei genitori sardi nella scelta della lingua in cui educare i figli alla particolare situazione linguistica dei giovani; dall’analisi di una situazione locale che vede un lusinghiero recupero del sardo alla critica della situazione delle lingue minoritarie a scuola e ai livelli di consapevolezza di alcune comunità linguistiche sub-regionali. Una parte del volume è dedicata alle cause della contrapposizione tra un settore del movimento linguistico, che si batte per salvare la lingua sarda dall’estinzione in un regime di bilinguismo con l’italiano, e un gruppo di intellettuali di sinistra che vi si oppone in vari modi. Dei nove capitoli in cui si articola il volume quattro sono scritti in italiano e cinque in lingua minoritaria (quattro in sardo e uno in gallurese) in coerenza con lo storico plurilinguismo della Sardegna. Questa scelta mostra che “anche le lingue regionali e sub-regionali possono essere usate in qualsivoglia contesto, dai registri colloquiali fino alla saggistica”.

CONTENUTI

Premessa. Capitolo 1: L’italiano dei Sardi: lingua o dialetto?. Capitolo 2: Gasi no est gosi. Capitolo 3: Sa limba minorizada in s’iscola sarda. Capitolo 4: Sardo o italiano? La difficile scelta dei genitori. Capitolo 5: Gadduresu e sassaresu tra cossu e saldu. Capitolo 6: Chircas sociolinguìsticas e chistiones de mètodu. Capitolo 7: Il riacquisto del sardo nella comunità giovanile di Perfugas. Capitolo 8: Un giallo linguistico. Capitolo 9: Istandard, folklore e iscola. Postfazione. Bibliografia. Note biografiche

Dettagli del prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 2230 KB
  • Pagine: 264
  • Editore: Ipazia Books; 1 edizione (3 giugno 2017)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ASIN: B072Q8NXX9

 

MAJU - MAGGIO - MAY

Risultati immagini per ipazia books[31/5] Da oggi la pagina con il volume Lingua e Società in Sardegna è chiusa. Il volume è in corso di edizione presso la casa editrice Ipazia Books di Dublino

 https://rinabrundu.files.wordpress.com/2016/09/perle-di-ipazia-year-1-issue-1-summer-20171.pdf.

 

Risultati immagini per campo di grano

A un’amigu

M’ammento de cuddas boltas in su restuju
Cando, cuados, chena chi nos aeren bidu
Pipaiamus sas primas sigarettas.

Serentinas serenas sutt’a sa luna
Cando, chena ischire, arriscaiamus
de brujare cuddos fenos.

Como dae tesu bi pesso
E a cudd’ora, a sero, ti che ’ido inie
Istèrridu in sa paza pungosa, pipende
Custas sigarettas de àtteru sabore.

Cando app’a a torrare
At a fagher friscu su sero
Ma cun tegus chelzo pipare
Sas sigarettas de tando.

(M.M. 28 de trìulas 1971)

Custa poesia l'aia iscritta in Alassio in su 1971. Est leada dae sa silloge Pagas poesias sizidas.

Pro bider totta sa regolta intrare in sa pagina IN SARDU in sa culunna inoghe a manca

 

                               Risultati immagini per pausa

 

In sa pagina COGNOMI DI SARDEGNA sunt istados postados duos articulos subra a sos sambenados Saragat e Sotgiu

Nella pagina COGNOMI DI SARDEGNA sono stati inseriti due articoli relativi ai cognomi Saragat Sotgiu.

 

Risultati immagini per proverbi sardi Est istada insertada sa pagina noa intitulada DICIOS E AFORISMAS. Intrare in sa culunna inoghe a manca e pressare subra a su titulu currispondente.

E' stata inserita la nuova pagina intitolata DICIOS E AFORISMAS (Detti e Aforismi). Entrare nella colonna qui a sinistra e premere sopra il titolo corrispondente. 

The new page DICIOS E AFORISMAS (Proverbs and aphorisms) has been added. Enter the column here to the left and press above the corresponding title.

 

 

Nella pagina RECENSIONI è stato inserito il testo della presentazione del romanzo Son luce e ombra di Eliano Cau tenutasi a Perfugas il 21 aprile presso la sala convegni del Museo Archeologico Paleobotanico.

In sa pagina RECENSIONI est istadu postadu su testu de sa presentada de su romanzu Son luce e ombra de Eliano Cau chi s'est fatta in Perfugas su 21 de abrile in sa sala de cunferentzias de su Museu Archeologicu Paleobotanicu. 

 

Risultati immagini per gavino cossiga poeta Oe su 1 de maju s'affestat in guasi tottu su mundu. Ma a s'incumintzu de su 1900 a faeddare de custa cosa bi cheriat coraggiu meda ca fit una idea rivolutzionaria. Custu coraggiu non mancaiat de siguru a Gavinu Cossiga, poeta perfughesu de ideales socialistas e repubblicanos. In su 1906 isse pubblicheit custa poesia intitulada propiu "Primu de Maju".  

PRIMU DE MAJU
(Perfugas, 1 de Maju 1906)

Ca tantos ammentos mortos rifiorire
mi sento in custa die umile e fiera
e sento s’epopea ringiovanire
e bido ’e sos eroes s’umbra severa...

Ti nat custa die: - Impallidire,
o truce borghesia, bezza pantera,
deves; e china sa tua fronte altera:
carnefice so deo, deves perire.

Intenta a goder, tue non consideras
sos chi a sos bentos gridan: - Un’aggiudu! -
da i su fundu ’e sas orridas galeras:

Martires cussos sun de s’ideale!
ei s’odiadu tou regnu distruttu
det morrer in custa die pro te fatale!...

Gavinu Cossiga

 

ABRILE - APRILE - APRIL

28 DE ABRILE - DIE DE SA SARDIGNA

Oe est sa Die de sa Sardigna. Torrant a mente sas paraulas de Remundu Piras subra a sa limba nostra. Paraulas chi, mancari postas 40 annos faghet, parent pensadas como.

NO SIAS ISCIAU

O sardu, si ses sardu e si ses bonu, 
Semper sa limba tua apas presente: 
No sias che isciau ubbidiente 
Faeddende sa limba 'e su padronu.

Sa nassione chi perdet su donu 
De sa limba iscumparit lentamente, 
Massimu si che l'essit dae mente 
In iscritura che in arrejonu.

Sa limba 'e babbos e de jajos nostros 
No l'usades pius nemmancu in domo 
Prite pobera e ruza la creides.

Si a iscola no che la jughides 
Po la difunder menzus, dae como 
Sezis dissardizende a fizos bostros

(Remundu Piras, su 29 de Santu Aine de su 1977)

 

MARTU - MARZO - MARCH

 

 Img 0679 Img 0688 min  

Conferenza sui VILLAGGI MEDIEVALI IN ANGLONA. L’associazione culturale “Nuovi Orizzonti per Castelsardo“, in collaborazione con il Dipartimento di Storia, scienze dell’uomo e della formazione dell’Università di Sassari, i comuni di Castelsardo, Nulvi, Martis, Chiaramonti, le associazioni culturali “ Su Siddadu “ di Nulvi, “ Storia Vagante “ di Olmedo, il 24 Marzo alle ore 17;30 nella Sala XI del Castello di Castelsardo, hanno organizzato una conferenza sui villaggi medievali in Anglona, i casi di Castelsardo, Nulvi, Chiaramonti, Martis. Risultati di ricerca e i modelli di valorizzazione del patrimonio archeologico dei villaggi abbandonati della Sardegna. Un percorso a ritroso nel tempo partendo, come affermava lo storico Vittorio Angius dalle considerevoli vestigia di un antico popolato si vedevano nella località di Mortedu, ( oggi Multèddu ), Salàsa ( oggi Salàsgiu ) , nell’odierno territorio di Castelsardo, località già citate anche in un atto del 1321 è che faceva parte dei benefici annessi alla mensa episcopale di Ampurias, arrivando al villaggio di “ Orria Manna “ a Nulvi, allo scomparso abitato di “ Billitènnero “ di Martis e “ Orria Pithinna “ di Chiaramonti. Tutti luoghi abbandonati che hanno una storia da raccontare, per generare anche attenzione in argomenti più vasti come quello della pianificazione territoriale e della tutela e valorizzazione delle bellezze culturali, naturali, e paesaggistiche dell’Anglona. Con la sala colma di pubblico sono intervenuti gli studiosi Marco Milanese, Mauro Maxia, Maria Cherchi, Maria Antonietta Solinas e Gianluigi Marras.

Cunferentzia subra a sas BIDDAS MEDIEVALES IN ANGLONA. S’assotziu culturale Nuovi Orizzonti per Castelsardo paris cun su Dipartimentu de Istoria, iscientzias de s'òmine e sa formatzione de s'Universidade de Tàttari e cun sas Comunas de Casteddu Sardu, Nulvi, Martis, Tzaramonte e cun sos assotzios culturales Su Siddadu de Nulvi e Storia Vagante de S'Ulumedu, ant manizadu pro su 24 de martu a sas 17.30 in sa Sala XI de su Casteddu de Casteddu Sardu una cunferentzia subra a sas biddas medievales in Anglona e in sos territorios de Casteddu Sardu, Nulvi, Tzaramonte e Martis pro faeddare de sos èsitos de sas chircas e de sos modellos de impreu de su patrimoniu archeològicu de sas biddas abbandonadas de Sardigna. Est unu caminu in segus peri su tempus passadu partende, comente naraiat s’istòricu Vittoriu Angius, dae sos restos de antigos populados chi tando si bidiant in sas localidades de Mortedu, (oe Multédu/Multéddu ), Salàsa (oe Salajos/Salàsgiu) in su territoriu de Casteddu Sardu - localidades tzitadas finas in unu documentu del su 1321 e chi faghiant parte de sa mensa episcopale de Ampurias – e finas a sa bidda de Orria Manna, in territoriu de Nulvi, e su biddarzu de Billitènnero de Martis e sa bidda de Orria Pithinna in territoriu de Tzaramonte. Tottu logos abbandonados chi ant un’istoria de contare, finas pro fagher nascher un’attentzione noa pro arrejonos pius ispartos comente sunt cussos de s’ammanizu de su territoriu e de sa tutela e de su valorizu de sas bellesas culturales e naturales de s’Anglona. Cun sa sala piena de zente sunt intervènnidos sos istudiados Marco Milanese, Mauro Maxia, Maria Cherchi, Maria Antonietta Solinas e Gianluigi Marras.

 

Risultati immagini per alain di meglioAlain Di Meglio, vice presidente dell'Università di Corsica Risultati immagini per dominique verdoniDominique Verdoni, Direttrice dell'ESPE  

Risultati immagini per Denis Jouffroy Denis Jouffroy, formatore dell'ESPE

[LA NUOVA SARDEGNA, 7 marzo 2017]

Perfugas, seminario sulle lingue sarde

PERFUGAS 7 marzo 2017. Un seminario formativo della durata di due giorni destinato e riservato al personale dell’Istituto Comprensivo di Perfugas. Si terrà tra il 9 e il 10 marzo e vedrà la partecipazione di esperti, formatori e docenti dell’Espe Corsica e dell’Iscofor, enti culturali e formativi che sostengono la scuola perfughese nella realizzazione di uno dei progetti più significativi del PTOF, vale a dire il Piano triennale dell’offerta formativa che ne guiderà i passi come una bussola sino all’anno scolastico 2018-19. Il seminario si terrà nel contesto di un accordo di collaborazione firmato nei mesi scorsi con l’università della Corsica e in particolare col suo dipartimento Espe (Ecoles Supérieures du Professorat et de l’Education). L’accordo è stato raggiunto nell’ambito di un progetto sulla Formazione linguistica plurilingue che prevede il progressivo inserimento (di fatto, già iniziato nell’anno in corso) dell’insegnamento curricolare e veicolare del logudorese e del gallurese nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole primarie dei centri dove si parlano queste due lingue. Si tratta di un progetto ambizioso, perché forse unico nel suo genere in Sardegna. L’obiettivo che intende raggiungere è quello di elevare i livelli di apprendimento costruendo, nell’arco del prossimo quinquennio, un curricolo di lingua sarda e un modello per l’insegnamento del sardo nelle scuole. La natura sperimentale del progetto, destinato a testare nuove direzioni e possibilità della didattica del sardo, è chiara al dirigente scolastico, Giovanni Carmelo Marras, che sarà coinvolto nel seminario insieme ai docenti impegnati nella realizzazione del progetto. Per Espe Corsica è invece prevista la partecipazione dei professori Alain Di Meglio, vicepresidente dell’Università di Corsica e direttore del Centro Culturale Universitario; Dominique Verdoni, direttrice dell’Espe e Denis Jouffroy, dell’équipe pedagogica dell’Espe. L’Iscofor (Istituto Sardo-Corso di Formazione e Ricerca) sarà rappresentato da Mauro Maxia, che ne è il presidente. Il seminario impegnerà i corsisti nel pomeriggio del 9 e nella mattina del 10 marzo. Dopo la presentazione del seminario e dell’offerta formativa dell’Istituto relativa alla formazione e all’insegnamento plurilingue da parte del Ds Giovanni Marras, seguiranno le relazioni degli altri relatori. Obiettivo: dare vita a un confronto tra più voci sullo stato dell’arte del bilinguismo e delle lingue minoritarie. Venerdì verrà aperta una tavola rotonda sui temi della sessione del giorno precedente con approfondimenti di carattere metodologico e verranno redatti anche i programmi dei seminari successivi. (Giuseppe Pulina)

 

Locandina  Giuria 1  

La Giuria: da sinistra M.Antonietta Piga, Antonio Rojch, Mauro Maxia e Giuseppe Tirotto 

LA NUOVA SARDEGNA - Edizione di Nuoro - 9 marzo 2017

Il Nobel dei poeti in limba valanga di partecipanti

Gonario Carta Brocca e Pier Giuseppe Branca premiati alla biblioteca Satta. Ora si pensa già al futuro: aprire una sezione per bambini e una scuola di poesia sarda.

NUORO. Nell’ambito delle celebrazioni deleddiane ideate al fine di commemorare l’assegnazione a Grazia Deledda del premio Nobel per la letteratura, si è svolto presso l’auditorium della biblioteca “Sebastiano Satta” di Nuoro, il concorso atto ad assegnare il premio letterario di poesia e narrativa in lingua sarda “Il mondo di Grazia”. L’evento dal titolo “Il Nobel dei poeti” che quest’anno è stato dedicato alla scrittrice nuorese è solo l’ultima di una lunga serie di edizioni, di una manifestazione ormai consolidata nel tempo, organizzata dalla Pro loco di Nuoro insieme all’associazione culturale Nuoro 2000 e al patrocinio del Comune del capoluogo barbaricino. Ad aprire l’evento, dopo i saluti del vice sindaco Sebastian Cocco, il giornalista Antonio Rojch nel ruolo di coordinatore il quale ha dato lettura al folto pubblico presente dei saluti inviati dal presidente della commissione del premio Massimo Pittau. I saluti in limba del Pittau, impossibilitato a partecipare a causa di problematiche causate dalla sua età avanzata, hanno catturato l’attenzione di tutti i presenti che lo hanno ricambiato con un affettuoso applauso. Ad arricchire l’evento dedicato alla assegnazione del premio, i membri della commissione giudicatrice: il linguista Mauro Maxia, lo scrittore Giuseppe Tirotto e la linguista Maria Antonietta Piga i quali hanno concentrato i loro interventi sull’importanza della poesia e della lingua sarda, emblema culturale doveroso da tramandare anche alle nuove generazioni; da qui le proposte non solo di apertura del concorso a un’apposita sezione dedicata ai più piccoli, ma anche di realizzazione di una scuola di poesia che conferirebbe un valore aggiunto a tutto il territorio. Spunti di riflessione anche in merito alla partecipazione di numerose donne al concorso letterario, fatto che contribuisce a sottolineare l’universalità della lingua sarda, valorizzata in maniera particolare da iniziative come questa che ha il pregio di invogliare ancora maggiormente i poeti ad adoperarsi nella scrittura dando così un grande contributo alla letteratura e alla lingua sarda. È la volta della poesia e della narrativa, numerose le menzioni speciali individuate dalla commissione giudicatrice: Maria Antonietta Sacchi, Anna Paola Demelas, Antonio Sannia, Rosa Corongiu e Gino Farris per la sezione dedicata ai poeti; Giancarlo Secci, Rachel Falchi, Pierantonio Bardanzellu e Giovanni Chessa per la sezione di narrativa. Ad aggiudicarsi il premio letterario il pluripremiato poeta dorgalese Gonario Carta Brocca con la poesia “Intumbos de passos” il quale è stato premiato con un’opera dell’artista Mimmo Bove che consiste in una riproduzione di un bucchero etrusco. Ad aggiudicarsi la sezione dedicata alla narrativa, lo scrittore Pier Giuseppe Branca con il racconto “Su liberu de sas mamas”; lo scrittore originario di Sassari è stato premiato con una Dea Madre realizzata da Maria Grazia Dettori. Entrambe i premi sono stati donati dagli artisti per questo ormai importante avvenimento culturale. (a.me.)

Carta brocca Gonario Carta Brocca vincitore del sett. Poesia Branca Pier Giuseppe Branca vincitore del sett. Narrativa

Il 6 marzo a Nuoro, presso l'auditorium della Biblioteca S. Satta, si è tenuta la premiazione del Concorso Letterario "Il mondo di Grazia" nell'ambito delle iniziative per celebrare l'ottantesimo anniversario della morte e il novantesimo dall'assegnazione del premio Nobel a Grazia Deledda. La manifestazione, promossa dall'Associazione Culturale Comitato Nuoro 2000 e patrocinata dal Comune di Nuoro, era organizzata dalla locale Associazione Pro Loco rappresentata da Lorenza Vacca. La Giuria, presieduta dal decano dei linguisti sardi prof. Massimo Pittau, era composta da Mauro Maxia, Giuseppe Tirotto, Maria Antonietta Piga e Antonio Rojch (segretario e coordinatore). Il prof. Pittau, assente per motivi di salute, ha inviato un saluto ai concorrenti. All'inizio della cerimonia è stato ricordato il prof. Giulio Angioni, anche egli membro della giuria, venuto a mancare di recente. La Giuria ha poi accolto unanimemente la proposta del sottoscritto di istituire una nuova sezione dedicata agli alunni delle scuole sarde anche con l'obiettivo di incoraggiare l'uso della lingua sarda e delle altre lingue minoritarie parlate nell'Isola. Giuseppe Tirotto e M. Antonietta Piga sono intervenuti riguardo alla qualità delle opere in concorso e specialmente sul contributo offerto dalle donne. Subito dopo è seguito l'intervento dell'assessore alla cultura Sebastian Cocco che ha portato i saluti e gli auguri del Comune di Nuoro. Si è quindi proceduto alla premiazione delle opere del settore "Poesia". L'opera vincitrice è risultata quella di Gonario Carta Brocca di Dorgali, Intumbos de passos, al quale è andata una preziosa opera in bucchero dell'artista Mimmo Bove. In questo settore hanno ottenuto delle menzioni speciali le opere In...Grazia di Maria Antonietta Sacchi; Lampitzadas de lugore di Anna Paola Demelas; Ite nos contas Grassia di Antonio Sannia; Nina...e su 'entu di Rosa CorongiuSas 'oches di Gino Farris Per il settore "Narrativa" il 1° premio è andato alla novella Su lìberu de sas damas di Pier Giuseppe Branca al quale è stata assegnata una preziosa scultura dell'artista Maria Grazia Dettori raffigurante la Dea Madre. La Giuria inoltre ha attribuito menzioni speciali alle seguenti opere: S'eternidadi podit abetai di Giancarlo Secci; Cun sos ojos de Grascia di Rachel Falchi; Candu si dici ch'è distinu di Piero Bardanzellu; Abbas a giumpas de cabidanni di Giovanni Chessa. Al termine dell'incontro la Pro Loco ha offerto un gradito rinfresco a tutti i partecipanti.   

Su 6 de martu in Nùoro, in s'auditorium de sa Biblioteca S. Satta, s'est fatta sa premiatzione de su Cuncursu Litterariu "Su mundu de Gratzia" in sas initziativas pro ammentare su de ottanta anniversarios de sa morte e su de noranta de s'assignada de su premiu Nobel a Gratzia Deledda. Sa manifestada, promòvida dae s'Assotziu Culturale Nuoro 2000 e patrocinada dae sa Comuna de Nùoro, fit ammaniada dae sa Pro Loco nuoresa cun Lorenza Vacca. Sa Giuria, presiedida dae su deganu de sos linguistas sardos prof. Massimu Pittau, fit cumposta dae Mauro Maxia, Giuseppe Tirotto, Maria Antonietta Piga e Antoni Rojch (segretariu e coordinadore). Su prof. Pittau pro motivos de salude non fit presente ma at imbiadu unu saludu a sos cuncurrentes. A s'incumintzu de sa cerimonia est istadu ammentadu su prof. Giulio Angioni, finas isse cumponente de sa giuria, chi est mancadu dae pagu. In sighida sa Giuria at atzettadu sa proposta de su suttiscrittu de aberrer una setzione noa destinada a sos pitzinnos de sas iscolas sardas finas pro animare sa crèschida de sa limba. Giuseppe Tirotto e M. Antonietta Piga sunt intervènnidos subra a sa calidade de sas òberas in cuncursu e màssimu subra a cussas presentadas dae sas fèminas. A pustis est sighidu s'interventu de s'assessore a sa cultura Sebastian Cocco chi at porridu sos saludos de sa Comuna de Nùoro. Luego est cumintzada sa premiatzione de sas òberas de su settore "Poesia". S'òbera binchidora est istada cussa de Gonario Carta Brocca de Durgali, Intumbos de passos, chi at balanzadu una òbera in bùccheru abberu prejada de s'artista Mimmo Bove. In custu settore ant leadu mentziones ispeciales sas òberas In...Grazia de Maria Antonietta Sacchi; Lampitzadas de lugore de Anna Paola Demelas; Ite nos contas Grassia de Antonio Sannia; Nina...e su 'entu de Rosa CorongiuSas 'oches de Gino Farris Pro su settore "Narrativa" su 1° premiu est andadu a su contadu Su lìberu de sas damas de Pier Giuseppe Branca chi at balanzadu una iscultura prejada intitulada "Sa Dea Mama" de s'artista Maria Gratzia Dettori. Sa Giuria at finas dadu mentziones ispeciales a sas òberas S'eternidadi podit abetai de Giancarlo Secci; Cun sos ojos de Grascia de Rachel Falchi; Candu si dici ch'è distinu de Piero Bardanzellu; Abbas a giumpas de cabidanni de Giovanni Chessa. S'abboju s'est cumpridu cun unu cùmbidu de sa Pro Loco aggradessidu dae tottus sos presentes.   

M a sacchi M.Antonietta Sacchi  A p demelas Anna Paola Demelas Risultati immagini per antonio sannia Antonio Sannia 

Risultati immagini per giancarlo secci Giancarlo Secci Risultati immagini per rachel falchi Rachel Falchi Risultati immagini per piero bardanzellu Piero Bardanzellu Risultati immagini per giovanni chessa Giovanni Chessa L'immagine può contenere: 1 persona Rosa Corongiu

 

In chisti dì passati in Mediterradio è andata in unda una trasmissioni radiofonica innantu a li linghi locali di la Saldigna, Cossica e Sicilia. Mediterradio è un programma settimanali chi anda in unda in Rai Radio 1 in Sicilia e Saldigna e in Radio Corse Frequenza Mora in Cossica. Pa la Saldigna lu giornalista Vito Biolchini m'à intervistatu innantu a la situazioni di lu gadduresu. Ca no à autu manera d'ascultà la trasmissioni lu pò fà cullighendisi a https://www.facebook.com/Mediterradio/posts/1357165887659609 o ancora a http://corsicaoggi.altervista.org/sito/mediterradio-20170224/.

In custas dies coladas in Mediterradio est andada in unda sa trasmissione radiofònica subra a sas limbas locales de Sardigna, Còssiga e Sicilia. Mediterradio est unu programma chi andat in unda dogni chida in Rai Radio 1 in Sicilia e Sardigna e in Radio Corse Frequenza Mora in Còssiga. Pro sa Sardigna su giornalista Vito Biolchini mi at intervistadu subra a sa situatzione de su gadduresu. Chie no at tentu manera de intèndere sa trasmissione si podet culligare a https://www.facebook.com/Mediterradio/posts/1357165887659609 o finas a http://corsicaoggi.altervista.org/sito/mediterradio-20170224/.

Nei giorni scorsi su Mediterradio è andata in onda una trasmissione radiofonica sulle lingue locali della Sardegna, Corsica e Sicilia. Mediterradio è un programma settimanale in onda su Rai Radio 1 in Sicilia e Sardegna e su Radio Corse Frequenza Mora in Corsica. Per quanto riguarda la Sardegna, il giornalista Vito Biolchini mi ha intervistato sull’attuale situazione del gallurese. Chi non ha avuto modo di ascoltare la trasmissione può farlo collegandosi a https://www.facebook.com/Mediterradio/posts/1357165887659609 oppure a http://corsicaoggi.altervista.org/sito/mediterradio-20170224/.

In recent days on Mediterradio it aired a radio broadcast on local languages ​​of Sardinia, Corsica and Sicily. Mediterradio is a weekly program on Rai Radio 1 in Sicily and Sardinia, and on Radio Corse Frequenza Mora in Corsica. As for Sardinia, the journalist Vito Biolchini interviewed me on the current situation of the Gallurian. Who has not had the opportunity to listen to the broadcast can do so by connecting to https://www.facebook.com/Mediterradio/posts/1357165887659609 or to http://corsicaoggi.altervista.org/sito/mediterradio-20170224/.

 

FREARZU - FEBBRAIO - FEBRUARY

 

Nuovi contributi. Sono disponibili questi nuovi inserimenti contenuti nell’ultimo numero della Rivista Italiana di Onomastica (2017-1): 

Articolo “Una fattoria medievale nel cuore della Gallura”, p. 174; 

Recensione a Massimo Pittau, Credenze religiose degli antichi Sardi, p. 202-205; 

Scheda di Enzo Caffarelli su Mauro Maxia, Perfugas e la sua comunità. Profilo onomastico storico descrittivo, vol. 2, Documenti e fonti scritte, p. 237.

Per leggerli premere qui Materiali 2017 1Materiali 2017 1 (1023.22 KB) Rion minima onomastica 2017 1Rion minima onomastica 2017 1 (380.92 KB)

 

Cuntributos noos. Sunt a disponimentu custos inserimentos noos cuntènnidos in s’ùltimu nùmeru de sa Rivista Italiana di Onomastica (2017-1): 

Artìculu “Una fattoria medievale nel cuore della Gallura”, p. 174; 

Recensida a Massimo Pittau, Credenze religiose degli antichi Sardi, p. 202-205; 

Ischeda de Enzo Caffarelli pro su libru de Mauro Maxia, Perfugas e la sua comunità. Profilo onomastico storico descrittivo, vol. 2, Documenti e fonti scritte, p. 237.

 

New contributions. There are these new entries contained in the latest issue of the Rivista Italiana di Onomastica (2017-1):

Article "Una fattoria medievale nel cuore della Gallura" (A medieval farm in the heart of Gallura), p. 174;

Review of Massimo Pittau, Credenze religiose degli antichi Sardi (Religious beliefs of ancient Sardinians), p. 202-205;

Enzo Caffarelli board of Mauro Maxia, Perfugas e la sua comunità. Profilo storico descrittivo (Perfugas and its community. Historical descriptive profile), vol. 2, p. 237.

 

 

Ricordo di Tullio De Mauro, Aldo Luigi Prosdocimi, Heinz Jürgen Wolf ed Eduardo Blasco Ferrer. 

 Risultati immagini per tullio de mauro  Risultati immagini per heinz jurgen wolf Risultati immagini per eduardo blasco ferrer  Risultati immagini per lutto Nell'ultimo numero della Rivista Italiana di Onomastica (2017-1) sono usciti alcuni Ricordi che riguardano le figure di quattro grandi studiosi scomparsi di recente. I visitatori interessati li possono leggere andando alla pagina INTERVENTI - INTERVENTOS e premendo sul collegamento all'articolo n. 1.

 

 

Risultati immagini per quinque libri   COGNOMI DI SARDEGNASAMBENADOS DE SARDIGNA - SURNAMES OF SARDINIA

Risultati immagini per cognomi sardiE' stata predisposta la nuova pagina COGNOMI DI SARDEGNA che ospiterà aggiornamenti e ragguagli relativi a una ricerca in atto da oltre 15 anni sui cognomi della Sardegna. Già nel 2002 era uscito il Dizionario dei cognomi sardo-corsi (Edizioni Condaghes, Cagliari, 320 pagine) che faceva luce su un settore dell'onomastica sarda fino ad allora rimasto in ombra. Successivamente, nel 2015, è uscito un lungo saggio intitolato Cognomi sardi medioevali formati da toponimi (Rivista Italiana di Onomastica, XXI/2, 78 pagine). Nel frattempo erano stati pubblicati parecchi saggi e articoli relativi ad specifici aspetti dell'onomastica sarda e di determinati territori e località (Sassari, Tempio, Nulvi, Castelsardo, Perfugas, Berchidda ecc.). Non sono mancati anche gli articoli dedicati a singoli cognomi (De Thori, Saragàt, Sotgiu ecc.). Alcuni di questi contributi sono disponibili in questo stesso sito all'interno della pagina ANTROPONOMASTICA. Attualmente si sta portando a termine il riordino dei materiali d'archivio consultati per la stesura di un'opera generale che abbraccia l'intera Sardegna per tutto il secondo millennio. Del titolo provvisorio dell'opera (I Cognomi della Sardegna - Dizionario storico etimologico) e dei suoi contenuti progettuali si è data notizia già nel 2009 (Lineamenti di un dizionario storico etimologico dei cognomi sardi, Rivista Italiana di Onomastica, XV/2). Si tratta di una impresa scientifica che si basa sulla consultazione di migliaia di documenti, in gran parte inediti, tra cui i Quinque libri di numerose parrocchie. Grazie a questo lavoro - condotto in collaborazione con validi rilevatori in varie diocesi - sono state reperite oltre 100.000 attestazioni documentarie. Questi ricchi materiali d'archivio consentono di disporre di innumerevoli varianti grafiche che attestano i cambiamenti subiti da molti cognomi lungo l'arco dei secoli. Oltre ai cognomi autoctoni, spesso di origine medioevale, la ricerca mette in luce anche migliaia di cognomi giunti da altre regioni (Corsica, Toscana, Liguria, Catalogna, Spagna, Sicilia, Campania, Piemonte ecc.) molti dei quali si sono acclimatati da parecchi secoli in Sardegna. Il copioso materiale storico e documentario consente di impostare su basi altamente attendibili lo studio sull'origine e il significato di ciascun cognome. L'opera è concepita per entrate (lemmi) che fanno riferimento alle forme attualmente più diffuse ovvero alle grafie storiche nel caso di cognomi estinti. Per ciascun cognome sono indicate le principali fonti documentarie, le frequenze e la diffusione territoriale. Infine si offre la spiegazione sul significato, accertato o più probabile, di ogni forma cognominale. Per quei cognomi che comprendono famiglie fornite di titoli nobiliari o equestri è previsto anche l'inserimento dei relativi stemmi e blasoni. La pubblicazione del nuovo dizionario, di circa 1.000 pagine, è prevista entro il 2018.

Est istada ammanizada sa pagina noa Sambenados de Sardigna chi at a cabere aggualaduras e relatas subra a una chirca chi est in andera dae pius de 15 annos subra a sos sambenados de Sardigna. Finas dae su 2002 fit essidu su Dizionario dei cognomi sardo-corsi (Imprenta Condaghes, Casteddu, 320 paginas) chi daiat lughe a una banda de s'onomastica sarda chi finamentas a tando fit istada in umbra. In sighida, in su 2015, est essidu unu saggiu longu intituladu Cognomi sardi medioevali formati da toponimi (Rivista Italiana di Onomastica, XXI/2, 78 paginas). Peristantu fint istados imprentados paritzos saggios e articulos subra a arrejonos ispecificos de s'onomastica sarda e de tzertos territorios e localidades (Tattari, Tempiu, Nulvi, Casteddu Sardu, Perfugas, Berchidda ecc.). Non sunt mancados finas articulos postos pro singulos sambenados (De Thori, Saragàt, Sotgiu ecc.). Unos cuntributos de custos sunt a disponimentu in custu situ intro de sa rubrica ANTROPONOMASTICA. In custu tempus s'est agabbende s'assentu de sos materiales de archiviu pro s'istèrrida de un'obera chi abbratzet sa Sardigna intrea e tottu su sigundu millenniu. De su titulu provvisoriu de s'obera (I Cognomi della Sardegna - Dizionario storico etimologico) e de sas cabidas e de su dessignu si nd'at dadu notissia finas dae su 2008 (Lineamenti di un dizionario storico etimologico dei cognomi sardi, in sa Rivista Italiana di Onomastica, XV/2). Si trattat de una impresa iscientifica chi si basat subra a su sebestu de mizas de documentos (pro su pius ineditos) cumpresos sos Quinque libri de paritzas parrocchias. Gratzias a cussu trabagliu - manizadu peri rilevadores capatzes in paritzas diocesis - si sunt buscadas pius de 100.000 attestatziones documentarias. Custos materiales de archiviu abberu bundantes permittint de aer maicantas variantes graficas chi documentant sos cambiamentos chi ant appidu medas sambenados in su iscurrer de sos seculos. Ultres de sos sambenados propiamente sardos, chi medas bias si sebestant in sos iscrittos de s'Edade de Mesu, sa chirca at bogadu a pizu mizas de sambenados acudidos dae atteros territorios (Còssiga, Tuscana, Liguria, Cadalunia, Ispagna, Sicilia, Campania, Piemonte ecc.) chi medas boltas e dae paritzos seculos si sunt adattados in Sardigna. Su bundante materiale istoricu e documentariu permittit de istudiare subra a bases abberu sincheras sas origines e sos significos de dogni sambenadu. S'obera est pensada pro intradas (lemmas) referidas a sas formas chi oe in die sunt sas pius ispartighinadas o chi sunt nodidas dae sos iscrittos antigos cando si trattet de sambenados estintos. Pro dogni sambenadu sunt indittados sos iscrittos printzipales, sas frecuentzias e sa presentzia in sos territorios. In finis si offerit s'accraradura de su significu, siguru o veridadosu, de dogni forma cognominale. Pro cussos sambenados chi cabent familias frunidas de titulos nobiliares o ecuestres si previdet finas s'inserta de sos istemmas e blasones issoro. S'imprenta de cussu ditzionariu, de unas 1.000 paginas, si previdet intro de su 2018.

 

Principali attività previste per il 2017 

Attividades pius de importu dessignadas pro su 2017

 

Formazione e convegnistica / Formadura e abbojos

  1. 2^ annualidade de su progettu de formatzione de su personale docente de s’Istitutu Cumprensivu de Perfugas pro s'imparu curriculare e veiculare de sa limba sarda e de su gadduresu. Seminariu cun sos formadores de s'Universidade de Còssiga.
  2. Insignamentu in limba sarda veiculare de sas materias “istoria” e “geografia” in s'Iscola Primaria de Tzaramonte (Progettu finantziadu dae sa Regione Sardigna cun sa L.R. n. 6/2016).
  3. Coordinamentu operativu de su progettu biennale Limba Nostra pro sa retza iscolastica formada dae sos istitutos cumprensivos de Perfugas, Ossi e Tiesi, de fagher in sos annos iscolasticos 2016-17 e 2017-18 (Progettu finantziadu dae su MIUR cun sa L. 482/1999).
  4. Incontro linguistico-letterario Corsica-Sardegna, Università della Corsica, Corte [10/2017]
  5. Organizzazione della Quinta Giornata Internazionale della Lingua Gallurese, in collaborazione con il Comune di Palau, l’Accademia della Lingua Gallurese e l’Istituto Sardo-Corso di Formazione e Ricerca.

Studi e pubblicazioni / Istudios e imprentadas

  1. Un giallo linguistico”; cap. 8 dell’e-book Lingua e Società in Sardegna, tra breve su questo sito.[1/2017]
  2. Articolo “Una fattoria medioevale nel cuore della Gallura” in “Rivista Italiana di Onomastica”, XXIII, 1 [2/2017]
  3. Recensione del volume di M. Pittau, Credenze religiose degli antichi Sardi (Ed. Della Torre, Dolianova-Cagliari, 2016) in “Rivista Italiana di Onomastica”, XXIII, 1 [2/2017].
  4. Saggio “Antichi toscanismi nella toponimia sarda”, in Studi in onore di Vincenzo Aversano, ed. Silvia Siniscalchi, Università degli Studi di Salerno.[3/2017]
  5. Santu Jorzi de Pèrfugas, 600 annos de istoria documentada, e-book in limba sarda cun paritzas deghinas de figuras e documentos ineditos [4/2017].
  6. Saggio “Lessicografia sarda” e saggio “Il gallurese e il sassarese”, in Manuale di Linguistica Sarda, ed. Eduardo Blasco Ferrer , Peter Koch e Daniela Marzo, “Manuals of Romance Linguistics”, 15, De Gruyter Mouton [5/2017].
  7. Atti della Quarta Giornata Internazionale della Lingua Gallurese, Taphros, Olbia. Il volume accoglierà due saggi lunghi di Alain Di Meglio e dello scrivente che costituiranno, rispettivamente, la storia della letteratura corsa e la storia della letteratura gallurese [11/2017].
  8. Guida del Museo Etnoantropologico dell'Anglona (in collaborazione con Giovanni P. Deperu; testos bilingues italianu/sardu) [12/2017]

 

 

2 0 1 6

 

NADALE - DICEMBRE DECEMBER

 

[29/12/2016] A distanza di un anno dalla "Terza Giornata Internazionale della Lingua Gallurese", tenutasi a Palau nel 2015, escono puntualmente gli atti del convegno che verteva su aspetti sociolinguistici riguardanti i giovani e il gallurese. Si tratta di 5 contributi originali relativi alla situazione dell'Italiano sardo e gallurese tra i giovani di una comunità ai confini della Gallura (Mauro Maxia), alle Considerazioni sul linguaggio giovanile in Gallura (Eduardo Blasco Ferrer), Il gallurese nelle rappresentazioni degli studenti corsi (Jean-Marie Comiti), a I Bucchi di Bonifaziu trà fruntiera e cuntinuità pà un mudellu sociolinguisticu à favori di i scambi trà i dui isuli (Alain Di Meglio) e Sardo, gallurese e italiano: cenni sulle dinamiche linguistiche attuali presso la comunità giovanile di Perfugas (Elton Prifti). Per accedere gratuitamente al volume e leggere gli atti andare alla pagina GALLURESE-GADDURESU e premere il relativo collegamento.

A un’annu dae sa "Telza Ciurrata Internaziunali di la Linga Gadduresa", fatta in Palau in su 2015, sunt essidos puntuales sos attos de su cunvegnu subra a chistiones sociolinguìsticas pertoccantes a sos pitzinnos e a su gadduresu. Si trattat de 5 cuntributos originales subra a Italiano sardo e gallurese tra i giovani di una comunità ai confini della Gallura (Mauro Maxia), a Considerazioni sul linguaggio giovanile in Gallura (Eduardo Blasco Ferrer), a Il gallurese nelle rappresentazioni degli studenti corsi (Jean-Marie Comiti), a I Bucchi di Bonifaziu trà fruntiera e cuntinuità pà un mudellu sociolinguisticu à favori di i scambi trà i dui isuli (Alain Di Meglio) e a Sardo, gallurese e italiano: cenni sulle dinamiche linguistiche attuali presso la comunità giovanile di Perfugas (Elton Prifti). Pro bider de badas su volùmene e lèggere sos artìculos andare a sa pagina GALLURESE-GADDURESU. 

After one year from the “Terza Giornata Intenazionale della Lingua Gallurese” ("Third Gallurian Language International Day"), held in Palau in 2015, the conference proceedings, which concerned sociolinguistic aspects of young people and the Gallurian, came out on time. There are 5 original contributions related to the situation of Italian, Sardinian and Gallurian among the youth of a community at the border of Gallura (Mauro Maxia), Considerations on youth language in Gallura (Eduardo Blasco Ferrer), The Gallurian in the representations of the courses students (Jean-Marie Comiti), The Strait of Bonifacio between border and continuity: for a sociolinguistic  model for exchanges between the two islands (Alain Di Meglio) and Sardinian, Gallurian and Italian: notes on current linguistic dynamics at the youth community of Perfugas (Elton Prifti). To have free access to the volume and read the documents go to the page GALLURESE-GADDURESU and press this link.

 

Risultati immagini per dati statistici Cari visitatori questo sito ha superato le 17.500 visite con oltre 45.700 pagine consultate. Sono dati più che lusinghieri per un sito in cui si trattano argomenti quasi sempre di contenuto specialistico. Prossimamente saranno pubblicati gli Atti della "3^ Giornata internazionale della lingua gallurese e l'ottavo e ultimo capitolo "Un giallo linguistico" del volume Lingua e Società in Sardegna.

Visitadores istimados custu situ est lòmpidu a 17.500 visitas cun pius de 45.700 pàginas abbertas. Sunt datos pius che bonos pro unu situ ue si trattant argumentos guasi semper ispecialìsticos. Intro de pagu tempus ant a esser postados sos attos de sa "3^ Giornata internazionale della lingua gallurese" e su de otto e ùltimu capìtulu, intituladu "Un giallo linguistico", de su volùmene Lingua e Società in Sardegna.
 

Dear visitors, this site exceeded 17,500 visits with 45,700 page views. These data are flattering for this site which is almost always specialized topics. Soon they will be published the Proceedings of the "3^ Giornata Internazionale della lingua gallurese" and the eighth and final chapter,"Un giallo linguistico" of the volume Lingua e Società in Sardinia.

 

Risultati immagini per felicità Chirchende felicidade pro custa isula

Sa coerentzia cun sos ideales politicos sovranistas diat poder aberrer una istajone noa de felicidade. Ma sunt sos fattos chi contant e chiesisiat podet bider chi, mentres dae una parte si preigat sa libertade, dae s’attera si puntellat un’amministratzione regionale chi paret contra a cussa libertade. In limba nostra custu si narat a tenner duas caras. Si si ponet sa giae de sa felicidade in busciaccas anzenas non si podet isperare abberu in una istajone noa. Pro bider su testu andare inoghe a manca a sa pagina INTERVENTI-INTERVENTOS

La coerenza con gli ideali sovranisti potrebbe aprire una nuova stagione di felicità. Ma chiunque può vedere che, 
mentre da una parte si predica la libertà, dall'altra si sostiene una amministrazione regionale che sembra 
contraria a quella libertà. Nella nostra lingua questo significa avere due facce. Se si mette la chiave della 
nostra felicità nella tasca di altri non si può davvero sperare in una stagione nuova. 
Per leggere il testo intero andare qui a sinistra alla pagina INTERVENTI-INTERVENTOS

Consistency with the ideals it could open a new era of happiness. But anyone can see that while on one hand 
it preaches freedom, on the other it supports a regional administration that seems contrary to that freedom. 
In our language this means having two faces. If we put the key to happiness in the pocket of another we can 
not really hope for a new season.
To read the full text go on the left to the page INTERVENTI-INTERVENTOS

 

 Una legge a tutela delle lingue minoritarie Risultati immagini per giuseppe meloni pd Risultati immagini per sebastien quenot

                                                                                                                               Giuseppe Meloni                             Sébastien Quénot

PALAU. Una legge per la tutela e la salvaguardia di tutte le lingue presenti in Sardegna. È la proposta emersa nella quarta giornata internazionale della lingua gallurese. I relatori del convegno, ospitato nel salone consiliare hanno sottolineato la necessità di una normativa ad hoc che tuteli le lingue storiche minoritarie: sardo (logudorese e campidanese); sassarese; catalano; carlofortino; gallurese e maddalenino. Un segnale concreto in difesa delle lingue è arrivato dal consigliere regionale Giuseppe Meloni, intervenuto in rappresentanza del presidente del Consiglio, Gianfranco Ganau, il quale ha sottolineato che l’iniziativa rientra nell’ottica di «una politica linguistica democratica» volta a valorizzare le parlate presenti nell’isola. La presenza a Palau del capo di gabinetto dell’Assemblea di Corsica, Sebastien Quenot, ha evidenziato l’importanza del patto sottoscritto dalla Regione con la Corsica e le Baleari. Intervento che si basa sul principio di insularità e mira alla creazione di un’eurozona mediterranea, attraverso la cooperazione nei settori trasporti, ambiente, turismo, cultura, agricoltura e pesca. Durante il convegno riflettori puntati sulla letteratura e i canti galluresi e corsi. Sulla letteratura hanno relazionato Alain de Meglio, pro rettore dell’università di Corte e Mauro Maxia, docente dell’Istituto sardo corso di formazione e ricerca. A supportare l’importanza delle differenze linguistiche e culturali i confronti tra i poeti Franco Fresi, Gigi Angeli, Giuseppe Tirotto e Gjacumu Thiers, Gjuvan Federico Terrazzoni e Alain de Meglio; i cori “A Pascalina”, dell’università di Corte e “Gavino Gabriel” di Tempio. «Il patto sottoscritto tra la Regione e la Corsica – ha concluso il sindaco Francesco Pala – è un valido strumento di promozione economico-culturale tra le due regioni». La giornata è stata coordinata dal vice presidente dell’Accademia della lingua gallurese, Mario Scampuddu. [da "La Nuova Sardegna" del 13/12/2016]

 

 Risultati immagini per alain di meglio Risultati immagini per jacques thiers Risultati immagini per giuseppe tirotto  Risultati immagini per franco fresi 

Risultati immagini per gigi angeli    Risultati immagini per coro gavino gabriel  Risultati immagini per a pasqualina

4^ Giornata Internazionale della Lingua Gallurese

Sabato prossimo, 10 dicembre, si svolgerà a Palau la 4^ Giornata Internazionale della Lingua Gallurese. L’atteso convegno internazionale è diventato ormai un appuntamento fisso non solo per la Gallura, ma anche per la Corsica e nel panorama delle lingue minoritarie. Quest’anno la formula prevede una innovazione. La rassegna sarà aperta dalle relazioni scientifiche sulla letteratura gallurese e la letteratura corsa che saranno svolte da Mauro Maxia e Alain Di Meglio. Seguirà un confronto alternato fra tre autori di lingua corsa e tre autori di lingua gallurese. La Corsica sarà rappresentata da Alain Di Meglio, Ghjacumu Thiers e Ghjuvan Federicu Terrazzoni. La Gallura sarà rappresentata da Franco Fresi, Gigi Angeli e Giuseppe Tirotto. Tra le recite di poesie e brani letterari ci saranno due intervalli in cui si esibiranno il Coro Gavino Gabriel di Tempio e il Coro A Pasqualina dell’Università della Corsica. La manifestazione sarà aperta dal sindaco di Palau, Francesco Pala, e sarà coordinata come sempre dal rappresentante dell’Accademia della Lingua Gallurese, Mario Scampuddu. Per la prima volta ci sarà l’intervento ufficiale di un rappresentante dell’Assemblea di Corsica, il capo di gabinetto Sébastien Quenot. Si tratta di un riconoscimento tangibile dell’importanza acquisita nel giro di pochi anni da questa manifestazione.

Next Saturday, December 10, will take place in Palau the 4th Giornata Internazionale della Lingua Gallu-
rese. The expected international conference has become a fixture not only for the Gallura, but also to Corsica 
and in the panorama of minority languages. This year the formula provides an innovation. The exhibition will 
be open from scientific reports on Gallurian and Corsican literature by Mauro Maxia and Alain Di Meglio. An 
alternating comparison will follow with three Corsican authors and three Gallurian authors. Corsica will be re-
presented by Alain Di Meglio, Ghjacumu Thiers and Ghjuvan Federicu Terrazzoni. Gallura will be represented 
by Franco Fresi, Gigi Angeli and Giuseppe Tirotto. Among the poetry readings and literary texts there will be 
two intervals in which will perform the choir Gavino Gabriel of Tempio and Chorus A Pasqualina of the University 
of Corsica. The event will be opened by the Mayor of Palau, Francesco Pala, and will be led as always by the 
head of the Accademia della lingua gallurese Mario Scampuddu. For the first time there will be the official inter-
vention of a representative of the Assemblea di Corsica with the chief of staff Sébastien Quenot. It is a tangible 
recognition of the importance acquired in a few years from this event.

 

 

SANTANDRIA - NOVEMBRE NOVEMBER

 Copertina per sito web

Nella pagina "Lingua e Società in Sardegna" è stato inserito il cap. 7 intitolato "Il riacquisto del sardo nella comunità giovanile di Perfugas". Si tratta di un saggio che riassume e interpreta una interessante inchiesta sociolinguistica effettuata presso la comunità giovanile di Perfugas appena due anni fa. Con lo stesso titolo il saggio è stato pubblicato appena due mesi fa ed è stato presentato al pubblico nel mese di ottobre. Ora il saggio è a disposizione di tutti gli interessati nella sua collocazione originaria all'interno del volume "Lingua e Società di Sardegna". Per leggerlo basta andare nell'apposita pagina qui a fianco. Chi fosse interessato ad avere una copia del saggio sotto forma di pubblicazione cartacea può averla a prezzo di costo (5€) presso la cartoleria Da Bicio (via Cavallotti, Perfugas, tel. 3498044576). 

In sa pàgina "Lingua e Società in Sardegna" est istadu insertadu su cap. 7 intituladu "Il riacquisto del sardo nella comunità giovanile di Perfugas". Est unu saggiu che resumet e interpretat una chirca sociolinguistica fatta dae pagu in sa comunidade de sos giòvanos perfughesos. Cun su matessi tìtulu su saggiu est istadu imprentadu como duos meses e est istadu presentadu in su mese de santugaine. Como su saggiu est a disponimentu de tottu sos interessados in sa posidura sua de printzipiu, est a narrer in su volùmene "Lingua e Società di Sardegna". Pro su lèggere bastat de andare in sa pàgina sua inoghe a manu manca. Chie esseret interessadu a nde àere una copia imprentada la podet àere a preju de costu (5€) in sa cartoleria Da Bicio (via Cavallotti, Perfugas, tel. 3498044576). 

On the page "Lingua e Società in Sardegna" it has been added the chapter 7 entitled "Il riacquisto del sardo nella comunità giovanile di Perfugas" (The repurchase of the
Sardinian in the youth community of Perfugas). It is an essay that summarizes and interprets a recent sociolinguistic survey among the youth community of Perfugas. With 
the same title, the essay was published just two months ago and was introduced to the public in October. Now the rate is available to all interested in its original location 
in the book "Lingua e Società di Sardegna". To read it, go to the appropriate page on the left. Anyone interested in having a printed copy of the essay can 
have it at cost price (5 €) at the stationery Da Bicio (Perfugas, via Cavallotti, tel. 3498044576).

 

SANTUGAINE - OTTOBRE OCTOBER

     

 

Img 20161021 wa0004 Il riacquisto del sardo nella comunità giovanile di Perfugas

Venerdì 22 ottobre a Perfugas si è presentata la ricerca sociolinguistica Il riacquisto del sardo nella comunità giovanile di Perfugas. La pubblicazione, stampata dall'editrice Taphros di Olbia, è la prima edita dall'Istituto Sardo-Corso di Formazione e Ricerca (Iscofor). La ricerca ha evidenziato i numeri e le dinamiche del fenomeno che da quasi un ventennio vede il costante ritorno al sardo della gran parte dei giovani che erano stati educati in italiano dai propri genitori. Era presente un folto pubblico, proveniente anche dai centri vicini, composto di gente comune ma anche da studiosi, docenti universitari, dirigenti scolastici e insegnanti di scuola materna primaria e secondaria. Al termine dell’incontro – che è stato coordinato dall’assessore all’istruzione prof. Tonello Sechi – si è tenuto un interessante dibattito con interventi sia in sardo sia in gallurese. Il dirigente scolastico dell'Istituto Comprensivo di Perfugas, in particolare, ha annunciato l'inizio dell'insegnamento curricolare e veicolare del sardo e del gallurese nelle scuole materne e nelle classi iniziali delle scuole primarie del proprio istituto.

Img 20161024 wa0021Chenàbura su 22 de santugaine in Pèrfugas si est presentada sa chirca sociolinguìstica “Il riacquisto del sardo nella comunità giovanile di Perfugas”. Sa pubblicatzione, imprentada dae Taphros de Olbia, est sa prima èdita dae s'Istituto Sardo-Corso di Formazione e Ricerca (Iscofor). Sa chirca at postu in evidentzia sos nùmeros e sas dinàmicas de unu fenòmenu chi dae una vintina de annos bidet sa torrada sighida a su sardu de sa pius parte de sos giòvanos chi fint istados educados in italiano dae sos genitores issoro. At abbojadu zente meda, finas de sas biddas de accurtzu. Ultres de zente comuna, bi aiat finas istudiosos, professores universitarios, dirigentes iscolàsticos e mastros de iscola materna primaria e sigundaria. A sa cumprida de s’abboju – chi est istadu coordinadu dae s’assessore a s’istrutzione prof. Tonello Sechi – bi at àppidu unu dibàttidu interessante abberu cun paritzos interventos siat in sardu e siat in gadduresu. Su dirigente iscolàsticu de s'Istitutu Cumprensivu de Pèrfugas, in particulare, at annuntziadu s'incomintzu de s'insignamentu curriculare e veiculare de su sardu e de su gadduresu in sas iscolas maternas e in sas classe initziales de sas iscolas primarias de su matessi istitutu.

 Img 20161027 wa0014 1Friday, October 22 in Perfugas the research of sociolinguistics “Il riacquisto del sardo nella comunità giovanile di Perfugas” ("The repurchase of the Sardinian in the youth community of Perfugas") was presented. The publication, printed by Taphros of Olbia, is the first published by the Istituto Sardo-Corso di Formazione e Ricerca (Iscofor). The research has highlighted the numbers and dynamics of the phenomenon that for two decades saw the constant return to the Sardinian of the majority of young people who had been educated in Italian from their parents. There were many people, also from neighboring towns, composed as well as scholars, university professors, school directors and kindergarten primary and secondary school teachers. After the meeting - which was coordinated by the councillor for education prof. Tonello Sechi - there was an interesting debate with interventions both in Sardinian and in Gallurian. The school director of the Istituto Comprensivo of Perfugas, in particular, has announced the start of the teaching curriculum and vehicular of the Sardinian and Gallurian in kindergartens schools and in the first grades of primary schools of the same institute.

 

CABIDANNI - SETTEMBRE SEPTEMBER

 

Risultati immagini per processione di anime [23/9/2016] Il cammino degli spiriti

Nel numero 2 del 2016 della Rivista Italiana di Onomastica continua la pubblicazione di articoli brevi nella nuova sezione intitolata "Minima Onomastica". Lo scrivente ha offerto il proprio contributo con un pezzo intitolato Il cammino degli spiriti dedicato a un toponimo disusato il cui significato risale a un'antica superstizione popolare. Per leggere l'articolo andare al n. 1 della pagina TOPONOMASTICA qui a sinistra.    

In su nùmeru 2 de su 2016 de sa Rivista Italiana di Onomastica est sighende s'imprenta de artìculos curtzos in sa setzione noa intitulada "Minima Onomastica". Su suttiscrittu bi at cuntribuidu cun unu artìculu intituladu Il cammino degli spiriti (Su caminu de sa Règula) subra a unu topònimu foras de usu chi ammentat una credentzia antiga. Pro lèggere s'artìculu anda a su n. 1 de sa pàgina TOPONOMASTICA inoghe a manca. 

In issue 2 of 2016 of the Rivista Italiana di Onomastica pubblication of short articles in the new section entitled "Minimum Onomastics" is continuing. I have offered a contribution with an article entitled Il cammino degli spiriti (The spirit path)  dedicated to a disused place name whose meaning goes back to an old popular superstition. To read the article go to n. 1 of TOPONOMASTICA page on the left

 

 Pelagu de ponte de turres [16/9/2016] Un antico idronimo sardo

Sull’origine del toponimo Palàu gli studiosi hanno opinioni differenti ma tutti pensano che si tratti di una parola di origine forestiera. Qualcuno pensa che si tratti di un talassonimo formatosi durante il dominio catalano-spagnolo mentre altri sono convinti che si tratti di una parola catalana e c’è anche chi crede che sia un termine ligure. L’articolo mostra che l’analisi di alcuni toponimi storici, specialmente idronimi, indica che il nome in questione costituisce uno sviluppo sardo di un termine latino. Il contributo rappresenta un approfondimento di un articolo in sardo pubblicato in un volume dell'Università di Valencia. Per leggerlo entrare qui a sinistra nella pagina TOPONOMASTICA e premere il collegamento dell'articolo n. 1.

Subra a sas orìgines de su nòmene Palàu sos istudiados ant pàrreres divessos ma tottus pensant chi siat una paraula foristera. Calicunu pensat a unu talassònimu chi s’est formadu in su dominiu cadalanu-ispagnolu mentres chi àtteros sunt cumbintos chi siat una paraula cadalana e bi est finas chie creet chi siat una paraula lìgure. S’artìculu intamen mustrat comente s’esàmene de topònimos istòricos, màssimu idrònimos, indittant chi su nòmene s’est formadu in Sardigna comente isviluppu derettu de una paraula latina. Custu cuntributu est unu apprufundimentu de un'artìculu essidu in unu volùmene de s'Universidade de Valencia. Pro lu bìdere intrare inoghe a manca in sa pàgina TOPONOMASTICA e puntare subra a su culligamentu de s'artìculu n. 1.

On the origins of the name Palàu scholars have different opinions but they all think it is a foreign word. Someone thinks it is a thalassonym formed during the Catalan-Spanish period while others are convinced that it is a Catalan word and there are also those who believe that it is a Ligurian term. The article shows that the examinations of historical place names, and in particular of hydronyms, on the contrary indicate that the name was formed as a direct local development of a Latin word. This essay represents a deepening of an article in Sardinian published in a volume of the University of Valencia. To view it please enter on the left in the page TOPONOMASTICA and click on the link of the article no. 1.

 

 AUSTU - AGOSTO AUGUST

Consegnati a Nulvi i premi "Elefantino di Bronzo 2016"

Dsc 0452 min   Due momenti della premiazione. Si riconoscono S. Patatu, A. Mattone, M. Milanese, G. Tirotto e M. Tedde. 

Sabato 27 agosto a Nulvi si è svolta la cerimonia di premiazione della manifestazione "Elefantino di Bronzo" che quest'anno è arrivata alla seconda edizione. L'evento era organizzato dall'associazione Nuovi Orizzonti per Castelsardo in collaborazione con l'associazione Su Siddadu di Nulvi e il Comune di Nulvi col patrocinio dell'Unione dei Comuni dell'Anglona e del Consiglio Regionale. Quest'anno erano previsti tre premi destinati a personalità ed enti che si sono distinti per attività riguardanti l'Anglona. La cerimonia si è svolta nel chiostro secentesco del convento di Santa Tecla che per l'occasione era gremito da un pubblico molto numeroso e attento. La giuria era formata dai professori Antonello Mattone e Marco Milanese (Università di Sassari), dagli scrittori Salvatore Patatu e Giuseppe Tirotto e dal giornalista Mauro Tedde. Il premio per la cultura è stato attribuito al sottoscritto con la seguente motivazione: "per l'intensità, la continuità e la qualità della sua produzione scientifica". 

 

PRESENTAZIONE DEL 2° VOLUME DELL'OPERA PERFUGAS E LA SUA COMUNITÀ

Presidenza min Da sinistra a destra: M. Maxia, D. Decandia, A. Ammirati Ammirati min 1 Angelo Ammirati

Foto pubblico 1 min [6 agosto 2016] Ieri a Perfugas nel salone della biblioteca comunale è stato presentato il secondo volume del libro "Perfugas e la sua comunità". La manifestazione è stata aperta dal sindaco dott. Dino Decandia che ha sottolineato l'importanza dell'opera per Perfugas e il suo territorio. La relazione sui contenuti del volume è stata tenuta dal dott. Angelo Ammirati, già direttore dell'Archivio di Stato di Sassari, il quale si è soffermato con estrema competenza su tutti gli aspetti caratterizzanti della ricerca. Successivamente l'autore ha proiettato una serie di immagini relative a importanti documenti inediti. La manifestazione, alla quale ha partecipato un pubblico molto numeroso e interessato, è durata quasi due ore e si è conclusa con un interessante dibattito. Per un primo contatto con i contenuti del volume premere questi due  collegamenti:

Eris in Perfugas in su salone de sa biblioteca comunale s'est presentadu su sigundu volumene de su libru "Perfugas e la sua comunità". Sa manifestada est istada aberta dae su sindigu Dino Decandia che ha suttalineadu s'importu de custa obera pro Perfugas e su territoriu. Sa relata subra a sos cuntennidos de su volumene l'at fatta Angelo Ammirati, ex direttore de s'Archiviu de Istadu de Tattari, chi est intradu cun cumpetentzia manna in tottu sos fattos chi cumponen sa chirca. In sighida s'autore at proiettadu partizas immagines subra a importantes documentos ineditos. Sa manifestada, chi est istada sighida dae zente meda e attenta, est durada guasi duas oras e s'est cumprida cun una dibatta interessante. Pro unu primu cuntattu cun sos cuntènnidos de su volùmene pressare custos duos culligamentos: 

Yesterday in Perfugas in the living room of the municipal library was presented the second volume of the book "Perfugas e la sua comunità" (Perfugas and its community). The event was opened by the mayor dr. Dino Decandia who highlighted the importance of this work to Perfugas and its territory. The report on the contents of the book was held by dr. Angelo Ammirati, former director of the Archive of State of Sassari, who dwelt with great expertise in all the parameters of the search. Subsequently the author has projected a series of images relating to important unpublished documents. The event, which was attended by a very large and interested audience, lasted nearly two hours and ended with an interesting debate. For a first contact with the contents of the volume, press this two links: 

Relazione ammiratiRelazione ammirati (415.95 KB); Presentazione perfugas e la sua comunita 2 compressedPresentazione perfugas e la sua comunita 2 compressed (3.14 MB)

 


 

TRIULAS - LUGLIO JULY

 [26/7/2016) È appena uscito il secondo volume dell'opera Perfugas e la sua comunità. Il libro rappresenta uno studio storico onomastico descrittivo dedicato all’evoluzione di Perfugas come insediamento umano e come comunità. L’opera si articola in due volumi di circa 450 pagine ciascuno. Il primo volume si sofferma sull’articolazione territoriale e sull’insediamento sia urbano sia rurale offrendo, tra l’altro, un vasto repertorio analitico di tutti i cognomi attestati nelle fonti scritte degli ultimi mille anni. Nel secondo volume si approfondiscono alcune questioni relative all’azienda di San Giorgio de Ledda, a diversi atti testamentari che vanno dal Seicento all’Ottocento e ad alcuni documenti relativi al territorio e all’alienazione dei terreni ademprivili. Il volume è dotato di due ricche appendici documentarie in cui sono trascritti o regestati circa 260 documenti, quasi tutti inediti, che vanno dal Trecento fino alla seconda metà dell’Ottocento. Complessivamente sono citati oltre 2.700 antroponimi e più di 1600 toponimi.   

 

[6/7/2016] Lingua e societa coperta

È stato aggiunto il cap. 6 del volume Lingua e Società in Sardegna. Per leggerlo premere nella colonna a sinistra in corrispondenza della pagina LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA.

Est istadu postadu su cap. 6 de su volùmene Lingua e Società in SardegnaPro lu bider in sa culunna a manca intrare in sa rubrica LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA. 

Chapter 6 of the book Lingua e Società in Sardegna was added. To read press in the left column at page LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA.

 

INCONTRO LETTERARIO INTERNAZIONALE SARDEGNA - CORSICA

[4/7/2016] Il giorno 29 giugno a Perfugas si è svolta una manifestazione molto interessante intitolata "Incontro letterario internazionale Sardegna - Corsica". L’evento era organizzato dall'Istituto Sardo-Corso di Formazione e Ricerca con il supporto del Comune e della Pro Loco di Perfugas. All'incontro ha partecipato una delegazione di scrittori e letterati dell'Università della Corsica formata dal vice rettore Alain Di Meglio, dall’ex rettore Ghjacumu Thiers e da Nicolas Sorba. La Sardegna è stata rappresentata da Giuseppe Tirotto, Franco Fresi e Gigi Angeli. Durante l’incontro, inoltre, si sono esibiti il coro dell’Università di Corsica (A Pasqualina, in onore dell’eroe Pasquale Paoli), il coro della Confraternita della Santa Croce di Perfugas e il Coro Perfugas di Matteo Peru. Gli interventi ufficiali (di Alain Di Meglio, Mauro Maxia e del sindaco Domenico Decandia) hanno sottolineato l’importanza e l’esigenza di rinvigorire gli scambi culturali tra Sardegna e Corsica. L’incontro è durato oltre tre ore ed è stato seguito da un pubblico molto numeroso e attento.

Da sinistra N. Sorba, G. Pulina, M. Maxia, G. Marras, A. Di Meglio, G. Thiers               D. Decandia (sindaco di Perfugas)    

Presidenza    Decandia    

 Alain di meglio  A. Di Meglio (pro rettore Università di Corsica)  Ghjacumu thiers 1  G. Thiers (prof. Univ. di Corsica)

Su 29 de làmpadas in Perfugas s’est fatta una manifestada interessante meda intitulada "Incontru litterariu internatzionale Sardigna - Còssiga". S’abboju fit ammaniadu dae s’Istituto Sardo-Corso di Formazione e Ricerca cun s’aggiudu de su Comunu de Perfugas e de sa Pro Loco de Perfugas. A s’attoppu est intervennida una rappresentantzia de iscrittores e litterados de s’Universidade de Cossiga formada dae su vice rettore Alain Di Meglio, dae su ex rettore Ghjacumu Thiers e dae Nicolas Sorba. Pro sa Sardigna sun intervennidos Giuseppe Tirotto, Franco Fresi e Gigi Angeli. An cantadu su coro de s’Universidade de Cossiga (A Pasqualina, in onore de s’eroe Pascale Paoli) cun su coro de sa Cunfraria de Santa Rughe e su Coro Matteu Peru. Tottu sos interventos (de A. Di Meglio, M. Maxia, D. Decandia) an affirmadu s’importantzia de affortigare sos iscambios culturales tra sa Sardigna e sa Cossiga. Sa manifestada est  istada sighida da unu pubblicu bundante e attentu.   Giuseppe tirotto G. Tirotto Franco fresi F. Fresi  Gigi angeli 2 G. Angeli Nicolas sorba  N. Sorba (prof. Univ. Corsica) 

La dì 29 di lampata in Pelfica v’è statu un abboiu abbeddu intarissanti intitulatu “Incontru littarariu internaziunali Saldigna – Cossica”. L’attoppu era organizatu da l’Istituto Sardo-Corso di Formazione e Ricerca cu l’aggjutu di lu Cumuni di Pelfica e di la Pro Loco di Pelfica. A l’incontru è intelvinuta una rapprisintanzia di scrittori e littarati di l’Universitai di Cossica fulmata da lu vice rettori Alain Di Meglio, da l’ex rettori Gjacumu Thiers e da Nicolas Sorba. Pa la Saldigna so intelvinuti Gjaseppa Tirotto, Franco Fresi e Gigi Angeli. V’era ancora lu coru di l’Universitai di Cossica (A Pasqualina si cjama in onori di l’eroi Pascali Paoli) cu lu coru di la Cunfraria di Santa Gruci di Pelfica e lu Coru Perfugas di Matteu Peru. Tutti l’interventi (di Alain Di Meglio, Mauro Maxia e di lu sindacu Domenico Decandia) ani affilmatu l’impultanzia e lu bisognu di raffulzà li scambi culturali tra la Saldigna e la Cossica. La manifestazioni è durata tre ori e è stata siguta da un pubblicu nummarosu e attentu.

Sti 29 di ghjugnu in Perfugas si hè fattu un’ intarissanti manifestazioni intitulata "Incontro letterario internazionale Sardegna - Corsica". L’avvinimentu era urganizatu da l’Istituto Sardo-Corso di formazione e ricerca cù u sustegnu di u Comune e di a Pro Loco di Perfugas. À sti scontri, ci hà participatu una delegazioni di scrittori e littarati di l’Università di Corsica furmata da u vici prisidenti par a lingua corsa, Alain Di Meglio, da Ghjacumu Thiers è da Niculau Sorba, tutt’è trè insignanti. Par altru, duranti i scontri, avemu pussutu senta u coru di l’Università di Corsica (A Pasqualina, in onori di Pasquale Paoli, u Babbu di a Nazioni corsa), u coru di a Confraternita della Santa Croce di Perfugas è u coru di Perfugas di Matteo Peru. I presi di parola ufficiali (di Alain Di Meglio, Mauro Maxia e di u sindaco Domenico Decandia) ani incalcatu l’impurtanza è l’esigenza di rinvivì i scambii culturali trà Sardegna è Corsica. U scontru hà duratu più di trè ori ed hè statu suvitatu da un publicu beddu numarosu è attentu.

A pasqualina    Confraternita santa croce 1                        Coro matteu peru   

Coro "A Pasqualina" (Università di Corsica)       Coro della Confraternita di Santa Croce          Coro Matteu Peru   

Le 29 Juin à Perfugas il y avait un événement très intéressant appelé "Rencontre littéraire international Sardaigne - Corse". L'événement a été organisé par l'Institut Sardo-Cours pour la Formation et la Recherche, avec le soutien de la Ville de Perfugas et dell'Association Pro Loco de Perfugas. La réunion a été suivie par une délégation d'écrivains et de chercheurs de l'Université de Corse formées par le vice-president Alain Di Meglio, l’ancien president Ghjacumu Thiers et Nicolas Sorba. La Sardaigne était représenté par Giuseppe Tirotto, Franco Fresi et Gigi Angeli. Au cours de la réunion, a également effectué le chœur de l'Université de Corse (A Pasqualina, en l'honneur du héros Pasquale Paoli), le Chœur de la Confrérie de la Sainte Croix de Perfugas et le Coro Pérfugas de Matteo Peru. Tous les participants (Alain Di Meglio, Mauro Maxia et le maire Domenico Decandia) ont souligné l'importance et la nécessité de relancer les échanges culturels entre la Sardaigne et la Corse. La réunion a duré trois heures et a été suivie par un très grand et attentif auditoire.

On June 29 to Perfugas there was a very interesting event called "International Literary Encounter Sardinia - Corsica". The event was organized by the Institute Sardo-Course for Training and Research with the support of the City of Perfugas and dell'Assocazione Pro Loco Perfugas. The meeting was attended by a delegation of writers and scholars of the University of Corsica formed by the vice chancellor Alain Di Meglio, former rector Ghjacumu Thiers and Nicolas Sorba. Sardinia was represented by Joseph Tirotto, Franco Fresi and Gigi Angels. During the meeting, also performed the choir of the University of Corsica (A Pasqualina, in honor of the hero during Pasquale Paoli), the Choir of the Brotherhood of the Holy Cross of Perfugas Perfugas and the Coro Matteo Peru. All participants (Alain Di Meglio, Mauro Maxia and Mayor Dominic Decandia) have stressed the importance and the need to reinvigorate the cultural exchanges between Sardinia and Corsica. The meeting lasted for three hours and was followed by a very large and attentive audience.

 

LAMPADAS - GIUGNO JUNE

 

[13/6/2016] Lingua e societa coperta

È stato aggiunto il cap. 5 del volume Lingua e Società in Sardegna. Per leggerlo premere nella colonna a sinistra in corrispondenza della pagina LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA.

Est istadu postadu su cap. 5 de su volùmene Lingua e Società in SardegnaPro lu bider in sa culunna a manca intrare in sa rubrica LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA. 

Chapter 5 of the book Lingua e Società in Sardegna was added. To read press in the left column at page LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA.

 

MAJU- MAGGIO MAY

 

17/5/2016] Lingua e societa coperta

È stato aggiunto il cap. 4 del volume Lingua e Società in Sardegna. Per leggerlo premere nella colonna a sinistra in corrispondenza della pagina LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA.

Est istadu postadu su cap. 4 de su volùmene Lingua e Società in SardegnaPro lu bider in sa culunna a manca intrare in sa rubrica LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA. 

Chapter 4 of the book Lingua e Società in Sardegna was added. To read press in the left column at page LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA.

 

 

ABRILE - APRILE APRIL

San giorgio copertina 1 Est a probe a esser cumpridu unu e-book in sardu subra a Santu Jorzi de Pèrfugas, una de sas cresias prus importantes de s'Edade Moderna in Sardigna. S'òbera proponet deghinas de documentos inèditos cummentados dae su sèculu XV a su Noighentos, paris cun una sessantina de immàgines a colores e in biancu/nieddu.

E' in fase di ultimazione un e-book in sardo sulla chiesa di San Giorgio di Perfugas, uno dei monumenti più importanti dell'Età Moderna in Sardegna. S'opera propone decine di documenti inediti commentati dal secolo XV al Novecento, insieme con una sessantina di immagini a colori e in bianco/nero.

An e-book in Sardinian is being finalized regarding the church of St. George of Perfugas, one of the most important monuments of the Modern Age in Sardinia. That work offers dozens of unpublished documents with comments from the fifteenth century to the twentieth century, along with about sixty color and black/white.

 

[21/4/2016] Nlac 1

Inizia la pubblicazione del volume I nomi di luogo dell'Anglona e della Bassa Valle del Coghinas. Si tratta di una ricerca di quasi 450 pagine che fu pubblicata nel lontano 1994. Il volume ormai si può consultare soltanto nelle biblioteche, essendo da tempo fuori commercio. E' parso giusto, perciò, proporlo ai visitatori di questo sito. In questo primo inserimento si riproducono le prime 25 pagine. Per leggerle andare alla pagina TOPONOMASTICA qui a sinistra.

 

 

 

 

[6/4/2016] Lingua e societa coperta

E' stata aggiunta la nuova rubrica Lingua e Società in Sardegna che nel titolo riflette quello di un volume la cui uscita era stata preannunciata dal 2014. Per ragioni legate alla crisi dell'editoria sarda la pubblicazione finora non è stata realizzata. Si è optato perciò per la sua diffusione in formato digitale. La pubblicazione avverrà per capitoli o parti di essi, possibilmente con cadenza mensile. In occasione della messa in linea iniziale vengono pubblicati i primi tre capitoli insieme alla premessa e al sommario dell'opera. La consultazione del libro è gratuita. Per leggerlo è sufficiente andare nella colonna a sinistra e premere in corrispondenza della pagina LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA.

Est istada postada sa rubrica noa Lingua e Società in Sardegna chi jughet su matessi tìtulu de unu volùmene chi finas dae su 2014 fit in bia de esser imprentadu. Pro chistiones ligadas a sa crisi de s'editoria sarda su libbru finas a como no est essidu. Duncas, s'est seberadu de l'ispàrghere in formadu digitale. Sas essidas an a esser pro capìtulos e, s'at a benner bene, mese pro mese. Pro custa prima essida si proponen sos primos tres capìtulos paris cun sa premissa e su summariu. Sa visura de su libbru est de badas. Pro lu bider bastat de intrare in sa culunna a manca e pressare in currispondentzia de sa rubrica LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA. 

A new page Lingua e Società in Sardegna, whose title reflects that of a volume whose release had been announced in 2014, has been added. For reasons related to the Sardinian publishing crisis publication it has so far not been realized. I therefore opted for its spread in digital format. Publication will be made to chapters or parts of them, possibly on a monthly basis. During the initial start-line they are published the first three chapters together with the premise and the opera summaries. The consultation of the book is free. To read it, simply press on the left at the page LINGUA E SOCIETA' IN SARDEGNA.

 

 

[1/04/2016] Alcuni toponimi sardi e il timore delle martore Risultati immagini per martora

La Rivista Italiana di Onomastica nel suo ultimo numero (XII/1 del 2016) ha inaugurato una nuova sezione intitolata "Minima Onomastica", la quale è costituita di brevi articoli su specifici argomenti. Lo scrivente ha offerto il proprio contributo con un pezzo dedicato alle tracce lasciate dall'appellativo marta 'martora' nella toponimia della Sardegna. Per leggere l'articolo (a pag. 190) e i contributi di altri autori andare alla pagina TOPONOMASTICA qui a sinistra.    

Sa Rivista Italiana di Onomastica in s'ùltimu nùmeru (XII/1 de su 2016) at printzipiadu una setzione noa intitulada "Minima Onomastica" chi cabet artìculos curtzos subra a arresonos ispecìficos. Su suttiscrittu at cuntribuidu cun unu artìculu subra a sas bistigas lassadas dae sa paraula marta in sa toponimia de sa Sardigna. Pro lèggere s'artìculu e cussos de àtteros autores anda a sa pag. TOPONOMASTICA inoghe a manca. 

The Rivista Italiana di Onomastica in its latest issue (XII / 1 2016) inaugurated a new section entitled "Minima Onomastica", which consists of short articles on specific topics. I contributed a piece dedicated to the traces left by the name marta 'marten' between the place names of Sardinia. To read the article (p. 190) and the contributions of other authors you have to go to TOPONOMASTICA page on the left.

 

MARTU MARZO - MARCH 

Immagine La rivista Logosardigna nell'ultimo numero (n. 90, marzo 2016) ha pubblicato l'articolo in gallurese La situazioni sociulinguistica illa Saldigna settentriunali. La rivista si può trovare in tutte le edicole dell'Isola. L'articolo fra breve sarà disponibile su questo sito. 

Cartina Grafico 1

FREARZU - FEBBRAIO - FEBRUARY

Toponimia romanica minEst essidu su volùmene Toponímia Romànica de s'Universidade de Valencia in Ispagna (Quaderns de Filologia - Estudis Lingüístics, 20, 2015) èditu dae Germà Colón, Dieter Kremer e Emili Casanova. Su volùmene cabet 15 cuntributos de istudiados nòdidos iscrittos in frantzesu, asturianu, sardu, ispagnolu, catalanu, rumenu e galegu. Su suttiscrittu at cuntribuidu cun su saggiu iscrittu in sardu e intituladu Unu idrònimu sardu ue si chistionat de sos isviluppos de su latinu pelăgu(m) in Sardigna. Si trattat de unu de sos pagos artìculos in sardu iscrittos cun terminologia iscientìfica. Pro lu legger intrare in sa pagina TOPONOMASTICA inoghe a manca.

È uscito il volume Toponímia Romànica dell’Università d Valencia in Spagna (Quaderns de Filologia - Estudis Lingüístics, 20, 2015) edito da Germà Colón, Dieter Kremer ed Emili Casanova. Il volume contiene 15 contributi di noti studiosi scritti in francese, asturiano, sardo, spagnolo, catalano, rumeno e galego. Il sottoscritto ha contribuito col saggio scritto in sardo e intitolato Unu idrònimu sardu Unu idronimu sardu in cui si argomenta degli sviluppi avuti dal latino pelăgu(m) in Sardegna. Si tratta di uno dei pochi articoli in sardo scritti con terminologia scientifica. Per leggerlo andare alla pagina TOPONOMASTICA qui a sinistra.

The volume Toponímia Romànica of the University of Valencia in Spain (Quaderns de Filologia - Estudis Lingüístics, 20, 2015) came out edited by Germà Colón, Dieter Kremer and Emili Casanova. The volume contains 15 contributions from noted scholars written in French, Asturian, Sardinian, Spanish, Catalan, Romanian and Galician. I have participated with the essay written in Sardinian and entitled Unu idronimu sardu (A Sardinian hydronym) in which were examined the words derived from the Latin pelăgu(m) in Sardinia. It is one of the few articles written in Sardinian with scientific terminology. To read it go to page TOPONOMASTICA on the left.

 

BENNARZU - GENNAIO - JANUARY

Costituito l'Istituto Sardo-Corso di Formazione e Ricerca 

È stato costituito l'Istituto Sardo-Corso di Formazione e Ricerca (in sigla ISCOFOR) Si tratta di una nuova realtà associativa che intende avere un ruolo attivo nel campo degli studi e delle ricerche di contenuto storico, linguistico, letterario e culturale. Già dal nome  appare chiaro che la sua attività sarà rivolta specialmente alla Sardegna e alla Corsica. La sede è stata fissata a Perfugas. Fondatori del nuovo Istituto sono, oltre allo scrivente che lo presiede, noti studiosi e scrittori come Giuseppe Tirotto (vicario), Alessandro Piga (segretario), Graziano Fois e Mario Scampuddu (vicepresidenti). Tra le attività previste rientrano la formazione degli insegnanti, corsi di studio, master e alta formazione, organizzazione di convegni, attività editoriali e di consulenza.  

It was launched the Istituto Sardo-Corso di Formazione e Ricerca (Sardinian-Corsican Institute for Training and Research, acronym ISCOFOR). It is a new associative reality that intends to have an active role in the field of studies and research on history, language, literature and culture. Already from the name it is clear that his activities will be directed especially to Sardinia and Corsica. The headquarters was set in Perfugas. Founders of the new Institute are, in addition to me as chairman, well known scholars and writers like Giuseppe Tirotto (vicar), Alessandro Piga (secretary), Graziano Fois and Mario Scampuddu (vice-presidents). Among the activities planned within the teacher training courses, masters and high education, organization of conferences, publishing and consulting.

Centro congressi 1 Il centro congressi di Perfugas

 

Risultati immagini per logosardigna Sa revista LogoSardigna in s'ultimu numeru (Nadale 2015) at imprentadu s'antologia in sardu Poetas perfughesos chi est a disponimentu in custu situ sighende custu indicu http://maxia-mail.doomby.com/pagine/literatura-sarda.html.

La rivista LogoSardigna nel suo ultimo numero (dicembre 2015) ha pubblicato l'antologia in sardo Poetas perfughesos già postata e disponibile in questo sito all'indirizzo http://maxia-mail.doomby.com/pagine/literatura-sarda.html.

* * * * * 

Ultimi documenti inseriti (dicembre 2015) - Ultimos documentos postados (Nadale 2015) - Latest added documents (December 2015)   DOWLOAD FREE

Pagina GALLURESE-GADDURESU: Atti del 2° Convegno internazionale di studi "Ciurrata di la linga gadduresa 2014"

http://maxia-mail.doomby.com/pagine/gadduresu-1.html

Pagina SOCIOLINGUISTICA:  La situazione sociolinguistica nella Sardegna settentrionale (con grafici inediti)

http://maxia-mail.doomby.com/pagine/sociolinguistica.html 

 

* * * * * 

2 0 1 5

Immagines de un'annu de presentadas e cunferentzias

Immagini di un anno di presentazioni e convegni

Images of a year of presentations and conferences

 

Locandina convegno 2015 Risultati immagini per mario scampuddu Convegno palau 2014  Blasco ferrer Risultati immagini per alain di meglio Foto convegno  Risultati immagini per elton prifti Risultati immagini per jean-marie comiti Pubblico Giuria Img 20150122 wa0000 Erula 4    Alessandro piga Listener 1 Gruppo mannheim 1 Foto 1 ridimensionata Risultati immagini per giuseppe tirotto Presentada nulvi Mannheim foto 2 Manifestu fiolinas 1 Risultati immagini per massimo pittauImg 20150417 wa0001 Risultati immagini per convegno saccargia Relatori img 3585 mini  Convegno codrongianos 2 Risultati immagini per graziano fois  Giancarlo zichi Risultati immagini per alessandro soddu Risultati immagini per mons atzei Angelo ammiratiPatatu img 0172 mini  Img 20150131 wa0040 Autore relatore img 0169 mini  Immagine 071 1 Risultati immagini per carlo patatu  Presentada tatari 2b Risultati immagini per salvatore patatu Presentada tatari 4  Risultati immagini per domitilla mannu  Presentada Risultati immagini per dario piga Presentada 2 Risultati immagini per tedde angelino  10646652 10202330882945123 4882580146174435383 n Eliano cau Neoneli 4 Logosardigna marantoni2

 

 

 

 

Creare un sito gratuito con emioweb.it - Segnalare un contenuto inappropriato sul sito